giovedì 23 febbraio | 04:11
pubblicato il 09/mag/2013 10:58

Genova: oggi il lutto cittadino, al via manifestazione

Genova: oggi il lutto cittadino, al via manifestazione

(ASCA) - Roma, 9 mag - Mentre si cercano ancora gli ultimi due dispersi oggi e' la giornata del lutto cittadino a Genova e in molte delle localita' di provenienza delle sette vittime accertate del disastro al porto. E mentre si aggiungono nuovi elenti alle indagini in corso per accertare le ragioni dello schianto della nave Jolly Nero sulla torre di controllo del porto, il capoluogo ligure e' stato svegliato dal suono delle campane a lutto. Alle 11 il via ad una manifestazione nella centralissima piazza Matteotti ''per testimoniare il cordoglio della comunita' genovese e la solidarieta' alle vittime e ai loro familiari'' come si legge si legge in una nota congiunta del prefetto, Giovanni Balsamo, del sindaco, Marco Doria, del commissario della Provincia, Piero Fossati, del presidente della Regione, Claudio Burlando, e da quello dell'Autorita' Portuale, Luigi Merlo. ''Le istituzioni - si legge - intendono esprimere con forza la volonta' della citta' di reagire alla disgrazia e superare questo momento di dolore''.

Bandiere a mezz'asta in tutti gli edifici pubblici, ma non e' disposta la chiusura delle scuole, laddove Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato l'astensione dal lavoro di tutti i lavoratori del porto sino alla fine del primo turno.

Cancellata la cerimonia inaugurale della rassegna 'Slow Fish' al via oggi al Porto antico.

Sono proseguite invano tutta la notte le ricerche degli ultimi due dispersi, il 38enne Cetrola e il 33enne Jacoviello. Impiegato - come scrive il Secolo XIX - anche un microrobot sottomarino: quasi certamente i due sono sul fondo del porto, probabilmente sotto i lastroni di vetro caduti dalla torre, alta oltre 50 metri.

''La nave non rispondeva ai comandi'' ha dichiarato al quotidiano ligure il pilota della Jolly Nero, Antonio Anfossi indagato per omicidio colposo plurimo insieme al comandante Roberto Paoloni. Anche se il numero degli indgati ''potrebbe aumentare'' secondo quanto dichiarato dal procuratore di genova, Michele Di Lecce, il quale non ha escluso ieri in conferenza stampa anche l'ipotesi di reato di ''attentato alla sicurezza dei trasporti marittimi''.

Parallelamente a quella della magistratura, un'inchiesta amministrativa e' stata annunciata dal ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, il quale, in un'intervista mattudina a Canale 5 ha escluso ''ogni analogia con il caso della Costa Concordia'' sottolineando come''nel porto di Genova ci sono ogni anno 15mila manovre'' del tipo di quella della Jolli Nero finita ieri in tragedia.

stt/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech