sabato 03 dicembre | 19:28
pubblicato il 24/gen/2011 20:19

Gb/ Topi a Downing Street, nessun gatto per Cameron

Ufficio premier smentisce acquisto di un "cacciatore"

Gb/ Topi a Downing Street, nessun gatto per Cameron

Londra, 24 gen. (askanews) - L'ufficio del Primo ministro britannico David Cameron ha reso noto che non è in vista l'acquisto o il prestito di un gatto, nonostante la documentata presenza di almeno un ratto di rispettabili dimensioni che ha eletto a proprio domicilio il numero 10 di Downing Street. Il ricorso ai felini peraltro non sarebbe affatto una novità: negli anni Ottanta il gatto "Humphrey" era stato nominato ufficialmente "cacciatore di topi", con un'allocazione di 120 euro l'anno per le spese alimentari (roditori esclusi, evidentemente). Il "Chief mouser" Humphrey era rimasto a Downing Street con Margaret Thatcher e il successore John Major, ma Tony Blair era stato costretto a congedarlo onorevolmente nel 1997 perché, si dice, la moglie Cherie era allergica ai gatti. Unico successore nell'incarico era stata la gatta scozzese "Sybil", giunta dieci anni dopo con Gordon Brown (di proprietà e a spese del Ministro delle Finanze, Alistair Darling) ma che non si sarebbe mai abituata a Londra, abbandonando il posto dopo soli sei mesi di servizio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari