giovedì 08 dicembre | 19:44
pubblicato il 07/set/2011 14:08

Galllipoli, sequestrato 1 mln capi d'abbigliamento made in Cina

Controlli Gdf in due negozi gestiti da cinesi

Galllipoli, sequestrato 1 mln capi d'abbigliamento made in Cina

Pantaloni, scarpe, intimo, camicie, cinture e molto altro ancora. Oltre un milione e 100mila capi d'abbigliamento e accessori importati dalla Cina sono stati sequestrati a Gallipoli dalla Guardia di Finanza. Le Fiamme gialle della cittadina pugliese hanno riscontrato che in due negozi, gestiti da due cinesi, questi capi non avevano le informazioni minime a tutela del consumatore previste dalla legge. Nei due bazar, entrambi di grandi dimensioni, il via vai dei clienti era continuo. Un afflusso garantito dai prezzi della merce che partivano da un minimo di un euro a un massimo di 35 euro. I due gestori dei negozi sono stati segnalati alla Camera di Commercio. L'operazione rientra nell'ambito dei controlli per la sicurezza dei prodotti a tutela del consumatore

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni