lunedì 23 gennaio | 06:02
pubblicato il 07/set/2011 14:08

Galllipoli, sequestrato 1 mln capi d'abbigliamento made in Cina

Controlli Gdf in due negozi gestiti da cinesi

Galllipoli, sequestrato 1 mln capi d'abbigliamento made in Cina

Pantaloni, scarpe, intimo, camicie, cinture e molto altro ancora. Oltre un milione e 100mila capi d'abbigliamento e accessori importati dalla Cina sono stati sequestrati a Gallipoli dalla Guardia di Finanza. Le Fiamme gialle della cittadina pugliese hanno riscontrato che in due negozi, gestiti da due cinesi, questi capi non avevano le informazioni minime a tutela del consumatore previste dalla legge. Nei due bazar, entrambi di grandi dimensioni, il via vai dei clienti era continuo. Un afflusso garantito dai prezzi della merce che partivano da un minimo di un euro a un massimo di 35 euro. I due gestori dei negozi sono stati segnalati alla Camera di Commercio. L'operazione rientra nell'ambito dei controlli per la sicurezza dei prodotti a tutela del consumatore

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4