martedì 21 febbraio | 22:35
pubblicato il 13/lug/2012 20:54

G8/ Pene ridotte in Cassazione per alcuni dei no global

Per due confermate le condanne, per cinque rinvio a Corte Appello

G8/ Pene ridotte in Cassazione per alcuni dei no global

Genova, 13 lug. (askanews) - Pene ridotte in Cassazione per tre dei dieci no global condannati per i saccheggi e le devastazioni durante il G8 di Genova del 2001. Per altri cinque manifestanti la prima sezione penale della Cassazione ha disposto l'annullamento delle condanne con rinvio alla Corte d'Appello, "che -spiega a TMNews Laura Tartarini, avvocato di uno dei no global imputati- potrebbe mitigare le pene per l'attenuante di aver agito sotto la suggestione di una folla in tumulto". Per gli altri due imputati sono state invece confermate le condanne emesse dalla Corte d'Appello di Genova il 9 ottobre del 2010. Tutti sono stati però riconosciuti responsabili del reato di devastazione e saccheggio. "Ingiustizia è fatta: cinque persone finiranno in carcere e altre cinque rifaranno il processo", commenta Francesco Romeo, uno dei legali dei manifestanti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia