lunedì 23 gennaio | 00:14
pubblicato il 18/ott/2011 16:57

Furti, danneggiamenti e spaccio: arresti nell'Agrigentino

Il gruppo criminale seminava terrore anche nel Nisseno

Furti, danneggiamenti e spaccio: arresti nell'Agrigentino

Rapine, furti, danneggiamenti, incendi di autoveicoli, spaccio di droga e aggressioni. Il gruppo criminale sgominato dalla squadra Mobile di Agrigento ha seminato il terrore per oltre un anno tra Canicattì e la provincia di Caltanissetta. L'indagine della polizia, nata dopo le denunce delle vittime, ha portato all'individuazione e all'arresto di una trentina di malviventi, alcuni già noti alle forze dell'ordine perché pregiudicati. Il procuratore capo Renato di Natale spiega i dettagli dell'operazione "Strike".Gli agenti della questura di Agrigento hanno così fatto luce su diversi furti, danneggiamenti ed estorsioni, ma anche su episodi legati allo spaccio di stupefacenti. Uno degli indagati, ad esempio, avrebbe ripagato i "favori sessuali" di una donna con diverse dosi di hashish.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4