lunedì 05 dicembre | 20:22
pubblicato il 24/mag/2012 18:10

Furti Biblioteca Girolamini, cinque arresti fra cui il direttore

Secondo la Procura struttura "smembrata e mutilata"

Furti Biblioteca Girolamini, cinque arresti fra cui il direttore

Milano, 24 mag. (askanews) -La biblioteca Girolamini di Napoli è stata "smembrata e mutilata" lentamente e centinaia dei suoi preziosi manoscritti sono stati rubati e rivenduti. L'accusa della Procura di Napoli coinvolge direttamente il contestato direttore della struttura Massimo Marino De Caro arrestato insieme con altre 4 persone. Il procuratore Alessandro Pennasilico racconta le pessime condizioniin cui è stata trovata l'antica biblioteca."Lo scenario che ricaviamo è impressionante. Ci sono oltre 100mila volumi in uno stato di totale disordine e abbandono".L'appropriazione indebita di libri rari sarebbe avvenuta tra il giugno 2011 e l'aprile scorso. Sono 257 i volumi con timbro della biblioteca sequestrati la scorsa settimana in un deposito del veronese, probabilmente destinati a mercato illegale dei bibliofili.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari