lunedì 05 dicembre | 15:37
pubblicato il 05/giu/2013 14:03

Fumo: Lorenzin, sigaretta elettronica non innocua. Gente deve saperlo

Fumo: Lorenzin, sigaretta elettronica non innocua. Gente deve saperlo

(ASCA) - Roma, 5 giu - Gli esperti del ministero della Salute sono al lavoro per un provvedimento legislativo che regolamenti l'uso ddelle sigarette elettroniche. Lo ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, intervenendo, stamane, alla trasmissione 'Prima di tutto' su Radio1.

''La sigaretta elettronica - ha spiegato - e' diventata un fenomeno'', ma ''e' uno strumento che puo' indurre dipendenza anche nella sua gestualita'. Per questo e' stata vietata ai minori nelle scuole''. ''La raccomandazione del Consiglio Superiore di Sanita' - ha aggiunto - e' improntata a cautela e grande equilibrio. Si evidenzia il fatto che, essendo un fenomeno nuovo, si sta diffondendo e in questo senso e' stato istituito un tavolo permanente che possa cogliere e recepire tutte le osservazioni che stanno arrivando sul tavolo''. La e-cigarette e' oggi ''un fenomeno di massa'', ha osservato ancora il ministro, ma ''sul contenuto di nicotina ancora le opinioni scientifiche non hanno espresso un parere definitivo, cosi' come sugli effetti prodotti sulle persone che ne assumono. La nicotina crea dipendenza, pertanto se viene usata in modo compulsivo puo' creare danni anche maggiori del consumo di sigarette. E' fondamentale in questo senso l'informazione corretta, la gente deve sapere con esattezza il contenuto e i rischi presenti nella sigaretta elettronica al pari di altri prodotti''. ''Bisogna tutelare la salute dei cittadini che devono sapere che se usano dispositivi con nicotina all'interno, il prodotto non e' del tutto innocuo, dipende dal quantitativo di nicotina presente. La raccomandazione e' quella di esplicitare completamente il contenuto presente nelle sigarette elettroniche e, oggi come oggi, e' fondamentale la conoscenza e la consapevolezza di cio' che si consuma. La pubblicita', pertanto, non deve tratte in inganno''. E' ha avvertito: ''Noi dovremo stare molto attenti a non far rientrare dalla finestra quello che esce dalla porta: come ministero della salute siamo in prima linea nella lotta al tabagismo, ricordiamo che il fumo e' la prima causa di morte nel mondo e anche in Italia, e la lotta contro il fumo deve essere forte, senza se e senza ma. Stanno aumentando i minori che fumano, anche nei plessi scolastici, e' un brutto esempio vedere gli insegnanti che fumano. Stiamo lavorando a una direttiva tabacco, e vedremo di armonizzare il parere del Consiglio Superiore di Sanita' con un provvedimento legislativo''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari