giovedì 08 dicembre | 04:59
pubblicato il 27/mag/2013 15:33

Fumo: ISS, solo 32% italiani sa che puo' rivolgersi a CA per smettere

Fumo: ISS, solo 32% italiani sa che puo' rivolgersi a CA per smettere

(ASCA) - Roma, 27 mag - Solo il 32,9% degli italiani conoscono i Centri Antifumo (CA), dato del 2012 che evidenzia una diminuzione rispetto agli anni precedenti (2009: 52,3%, 2010: 44,4%, 2011: 37,4%). Inoltre al solo 4% dei fumatori e' capitato che il proprio medico di famiglia parlasse dei CA e solo 1,9% dei fumatori, che hanno tentato di smettere senza successo, hanno dichiarato di aver ricercato un supporto dei CA''. Lo evidenzia Roberta Pacifici, Direttore Osservatorio Fumo Alcol e Droga, dell'ISS citando in occasione del lancio della campagna '' Sfreccia contro il fumo'',i dati di un'indagine condotta dalla DOXA per incarico dell'ISS in collaborazione con l'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri.

Italiani disinformati, dunque. Eppure, sottolinea l'esperta, ''Una indagine condotta dall'OssFAD in collaborazione con i CA ha messo in evidenza le azioni ritenute dagli operatori dei CA estremamente/molto efficaci per facilitare l'accesso dei fumatori agli interventi per smetter di fumare. Tra queste le piu' significative sono l'inserimento delle prestazioni antitabagiche nei LEA, la rimborsabilita' dei farmaci, la divulgazione delle informazioni sui CA attraverso i mass media''.

I Centri Antifumo (CA) sono dei servizi del SSN distribuiti su tutto il territorio nazionale e dedicati alla cura del tabagismo e dei problemi fumo-correlati. Quelli censiti dall'OssFAD nell'ambito dell'ultimo aggiornamento sono 372, distribuiti su tutto il territorio nazionale con una distribuzione variabile nelle Regioni italiane (56% al Nord, 20,1% al Centro e 23,9% al Sud e Isole) e afferenti prevalentemente a strutture ospedaliere, territoriali e del privato sociale.

''L'intervento per smettere di fumare all'interno di questi servizi - spiega Pacifici - consiste in terapie sia di tipo farmacologico che di tipo psicologico - individuale o di gruppo. Il personale che opera nei CA e' costituito nel 96,8% da medici, nel 61,8% da psicologi, dal 62,9% da infermieri, dal 14,8% da educatori e dal 28,3% da altro tipo di professionalita'.

Il numero di utenti seguiti dai CA e' molto variabile, da un minimo di poche unita' ad un massimo di circa 400 utenti all'anno. Il 42% dei CA segue fra i 50 ed i 150 utenti. Rispetto alle potenzialita' di questa rete di servizi emerge chiara la loro sotto utilizzazione''. Quanto alla sigaretta elettronica, l'esperta sottolinea : ''abbiamo potuto rilevare che il 91,2% dei CA non utilizza la sigaretta elettronica come strumento nel percorso di disassuefazione dal fumo''.

Per ultimo, ricorda il telefono verde contro il Fumo 800554088, attivo dal lunedi' al venerdi' dalle 10 alle 16 : ''e' un servizio anonimo e gratuito attraverso cui i cittadini possono avere chiarimenti sulle tematiche del tabagismo''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni