lunedì 27 febbraio | 08:15
pubblicato il 13/apr/2011 11:51

Frode fiscale a Como da 36 milioni, 2 impreditori a giudizio

Coinvolte 30 aziende edili in Lombardia, Campania e Piemonte

Frode fiscale a Como da 36 milioni, 2 impreditori a giudizio

Una frode fiscale da oltre 36 milioni di euro realizzata attraverso un giro di fatture false. Due imprenditori di Tradate in provincia di Varese e San Salvo in provincia di Chieti sono stati rinviati a giudizio a Como con l'accusa di evasione fiscale. Secondo quanto ricostruito dalla guardia di finanza di Olgiate Comasco, i due soci, attraverso una loro società di fatto non operativa, emettevano fatture false per prestazioni mai eseguite. In questo modo creavano costi fittizi per una trentina di aziende attive del settore edile sparse tra la Lombardia il Piemonte e la Campania che, grazie ai falsi documenti, riuscivano così ad abbattere l'utile d'esercizio e ad evadere il fisco. Le fiamme gialle hanno accertato anche il mancato versamento di 550 mila euro di contributi previdenziali e assistenziali.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech