venerdì 20 gennaio | 07:32
pubblicato il 13/apr/2011 11:51

Frode fiscale a Como da 36 milioni, 2 impreditori a giudizio

Coinvolte 30 aziende edili in Lombardia, Campania e Piemonte

Frode fiscale a Como da 36 milioni, 2 impreditori a giudizio

Una frode fiscale da oltre 36 milioni di euro realizzata attraverso un giro di fatture false. Due imprenditori di Tradate in provincia di Varese e San Salvo in provincia di Chieti sono stati rinviati a giudizio a Como con l'accusa di evasione fiscale. Secondo quanto ricostruito dalla guardia di finanza di Olgiate Comasco, i due soci, attraverso una loro società di fatto non operativa, emettevano fatture false per prestazioni mai eseguite. In questo modo creavano costi fittizi per una trentina di aziende attive del settore edile sparse tra la Lombardia il Piemonte e la Campania che, grazie ai falsi documenti, riuscivano così ad abbattere l'utile d'esercizio e ad evadere il fisco. Le fiamme gialle hanno accertato anche il mancato versamento di 550 mila euro di contributi previdenziali e assistenziali.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale