venerdì 02 dicembre | 19:05
pubblicato il 13/apr/2011 11:51

Frode fiscale a Como da 36 milioni, 2 impreditori a giudizio

Coinvolte 30 aziende edili in Lombardia, Campania e Piemonte

Frode fiscale a Como da 36 milioni, 2 impreditori a giudizio

Una frode fiscale da oltre 36 milioni di euro realizzata attraverso un giro di fatture false. Due imprenditori di Tradate in provincia di Varese e San Salvo in provincia di Chieti sono stati rinviati a giudizio a Como con l'accusa di evasione fiscale. Secondo quanto ricostruito dalla guardia di finanza di Olgiate Comasco, i due soci, attraverso una loro società di fatto non operativa, emettevano fatture false per prestazioni mai eseguite. In questo modo creavano costi fittizi per una trentina di aziende attive del settore edile sparse tra la Lombardia il Piemonte e la Campania che, grazie ai falsi documenti, riuscivano così ad abbattere l'utile d'esercizio e ad evadere il fisco. Le fiamme gialle hanno accertato anche il mancato versamento di 550 mila euro di contributi previdenziali e assistenziali.

Gli articoli più letti
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
San Marino, maxistella a Led inaugurerà il Natale delle Meraviglie
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari