mercoledì 07 dicembre | 17:40
pubblicato il 18/mag/2012 13:15

Frode autotrasporti, Messineo: presenza mafiosa consistente

Cartello di finte cooperative inquinava il settore

Frode autotrasporti, Messineo: presenza mafiosa consistente

Palermo, (askanews) - Ci sono anche le mani della mafia sulla frode milionaria al fisco messa in atto da un cartello di false cooperative di autotrasporti e scoperta dalla Guardia di Finanza di Palermo. Lo conferma il Procuratore capo Francesco Messineo: "La presenza mafosa in queste attività è abbastanza consistente. Da una parte alcune delle società beneficiarie dal sistema erano riferibili a soggetti legati a esponenti di Cosa nostra raggiunti in passato da provvedimenti giudiziari. Non è logicamente pensabile che i clan rinuncino alla loro penetrazione nel campo economico. Sebbene non possiamo dire ci fosse il loro influsso diretto, l'inerenza con soggetti appartenenti a Cosa nostra è comunque un fatto provato".Fra le persone coinvolte risultano soggetti già arrestati per mafia e aziende riconducibili ai fratelli Graviano di Brancaccio.

Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Papa
Papa: Stato laico meglio che confessionale, ma no laicismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni