lunedì 27 febbraio | 04:24
pubblicato il 19/ago/2011 14:02

"Francesco libero", fiaccolata per Azzarà a Motta San Giovanni

Mobilitazione per l'operatore di Emergency rapito in Sudan

"Francesco libero", fiaccolata per Azzarà a Motta San Giovanni

Un lungo corteo silenzioso per le strade di Motta San Giovanni, nel Reggino, per chiedere la liberazione di Francesco Azzarà, l'operatore di Emergency rapito domenica scorsa in Sudan. "Francesco Libero" è la scritta che campeggia sullo striscione che apre la fiaccolata organizzata nel paese natale del 34enne, che lavorava nel centro pediatrico dell'ong italiana in Darfur. Parenti, amici e concittadini si sono idealmente stretti a Francesco; la fiaccolata, spiegano gli organizzatori, serve per chiedere con forza la sua liberazione, ma anche per suscitare una riflessione sulle ragioni che hanno spinto Francesco Azzarà in Africa al fianco dei più bisognosi.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech