venerdì 02 dicembre | 23:48
pubblicato il 19/ago/2011 14:02

"Francesco libero", fiaccolata per Azzarà a Motta San Giovanni

Mobilitazione per l'operatore di Emergency rapito in Sudan

"Francesco libero", fiaccolata per Azzarà a Motta San Giovanni

Un lungo corteo silenzioso per le strade di Motta San Giovanni, nel Reggino, per chiedere la liberazione di Francesco Azzarà, l'operatore di Emergency rapito domenica scorsa in Sudan. "Francesco Libero" è la scritta che campeggia sullo striscione che apre la fiaccolata organizzata nel paese natale del 34enne, che lavorava nel centro pediatrico dell'ong italiana in Darfur. Parenti, amici e concittadini si sono idealmente stretti a Francesco; la fiaccolata, spiegano gli organizzatori, serve per chiedere con forza la sua liberazione, ma anche per suscitare una riflessione sulle ragioni che hanno spinto Francesco Azzarà in Africa al fianco dei più bisognosi.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari