lunedì 16 gennaio | 12:19
pubblicato il 19/ago/2011 14:02

"Francesco libero", fiaccolata per Azzarà a Motta San Giovanni

Mobilitazione per l'operatore di Emergency rapito in Sudan

"Francesco libero", fiaccolata per Azzarà a Motta San Giovanni

Un lungo corteo silenzioso per le strade di Motta San Giovanni, nel Reggino, per chiedere la liberazione di Francesco Azzarà, l'operatore di Emergency rapito domenica scorsa in Sudan. "Francesco Libero" è la scritta che campeggia sullo striscione che apre la fiaccolata organizzata nel paese natale del 34enne, che lavorava nel centro pediatrico dell'ong italiana in Darfur. Parenti, amici e concittadini si sono idealmente stretti a Francesco; la fiaccolata, spiegano gli organizzatori, serve per chiedere con forza la sua liberazione, ma anche per suscitare una riflessione sulle ragioni che hanno spinto Francesco Azzarà in Africa al fianco dei più bisognosi.

Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Maltempo
P. Civile: ancora neve al centro-sud, venti forti anche al nord
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Napoli
Napoli, scoppia bombola del gas: un morto e almeno due feriti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche