domenica 26 febbraio | 18:58
pubblicato il 12/gen/2015 15:01

Francesco contro il fondamentalismo: non cadere nella mistificazione della fede

Il Pontefice nel discorso agli ambasciatori presso Santa Sede dopo gli attentati a Parigi

Il Papa contro il fondamentalismo: non cadere nella mistificazione della fede

Città del Vaticano, 12 gen. (askanews) - La tradizionale udienza di inizio anno agli ambasciatori accreditati presso la Santa Sede si è trasformata, per Papa Francesco, nell'occasione per parlare del complesso rapporto tra fede e terrorismo, a metà tra l'attualità degli attentati dei giorni scorsi a Parigi e la riflessione teologica fondamentale, e denunciare tanto la "mistificazione" della religione per scopi violenti quanto quella "cultura dello scarto" che può spingere alcuni a cadere nelle "forme fuorviate di religione". Proprio questa sera, con una tempistica inusuale per il Vaticano, Jorge Mario Bergoglio parte, peraltro, per Sri Lanka e Filippine (12-19 gennaio), settimo viaggio internazionale di un pontefice argentino che si è imposto, nel corso del suo pontificato, come un leader dello scnario geopolitica internazionale. Il Vaticano è stato da subito investito della crisi degli attentati avvenuti a Parigi nella sede del settimanale satirico Charlie Hebdo e in un supermercato di cibo ebraico (kasher). Non solo perché il cosiddetto Califfato islamico ha indicato da tempo lo Stato pontificio come possibile bersaglio ("Non è vero che la Santa Sede abbia ricevuto segnalazioni di rischi specifici da servizi di sicurezza di altri Paesi", ha peraltro precisato oggi il portavoce, padre Federico Lombardi, in merito a notizie di stampa circa allarmi relativi allo Stato pontificio da parte dei servizi di intelligence di Stati Uniti e Israele). Non solo perché la mattina dell'attentato un gruppo di imam francesi si trovava, per uno scherzo del calendario, all'udienza del Papa in piazza San Pietro. E non solo perché lo stesso Jorge Mario Bergoglio è tempestivamente intervenuto a commentare la vicenda, sia con una nota diffusa il giorno stesso della strage di Charlie Hebdo sia, la mattina dopo, con la decisione di dedicare alle vittime la messa mattutina a casa Santa Marta ("L'attentato di ieri a Parigi - ha detto in quell'occasione - ci fa pensare a tanta crudeltà, crudeltà umana; a tanto terrorismo, sia al terrorismo isolato, sia al terrorismo di Stato. Ma la crudeltà della quale è capace l'uomo! Preghiamo, in questa Messa, per le vittime di questa crudeltà. Tante! E chiediamo anche per i crudeli, perché il Signore cambi il loro cuore"). Quanto perché, fin dall'inizio, le vicende di Parigi hanno intrecciato il rapporto tra fede (islamica, ebraica) e violenza. Ska MAZ

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech