domenica 22 gennaio | 14:06
pubblicato il 04/ott/2012 07:17

Fortugno/ Cassazione annulla ergastolo per Alessandro Marciano'

Confermato invece agli altri imputato il carcere a vita

Fortugno/ Cassazione annulla ergastolo per Alessandro Marciano'

Roma, 4 ott. (askanews) - Tre ergastoli confermati e uno annullato. ' questa la decisione della Sesta Sezione Penale della Cassazione, che ha confermato, ieri nella tarda serata, il carcere a vita per il mandante del delitto di Francesco Fortugno, il vice presidente del consiglio regionale della Calabria, Giuseppe Marciano', e per gli esecutori materiali Salvatore Ritorto e Domenico Audino, che uccisero Fortugno in un agguato a Locri il 16 ottobre del 2005 all'interno di palazzo Nieddu, dove erano in corso le elezioni per le primarie del centro sinistra guidato da Romano Prodi. I giudici della sesta sezione penale, hanno annullato con rinvio, invece, l'ergastolo che era stato comminato anche ad Alessandro Marciano', il padre di Giuseppe, considerato, in primo e secondo grado, il deus ex machina del delitto. Secondo i giudici di merito, Giuseppe ed Alessandro Marciano' avrebbero ordinato il delitto per motivi di rancore, provati da Alessandro dipendente dell'ospedale di Locri, verso Fortugno. La 'colpa di Fortugno' sarebbe stata quella di essere stato eletto al posto di un altro candidato, Domenico Crea, sfiorato piu' volte dall'inchiesta, primo dei non eletti, e subentrato in consiglio regionale al posto proprio di Fortugno, prima di essere arrestato per un'altra vicenda. A chiedere l'annullamento con rinvio per Alessandro Marciano' era stato nel corso della mattina Procuratore generale della Cassazione Alfredo Montagna, che nel corso dell'udienza aveva evidenziato come "non c'era la prova certa" che Alessandro Marciano' era uno dei mandanti. In pratica il procuratore aveva fatto notare come le dichiarazioni dei due pentiti, che incastrarono il gruppo di fuoco che agì il 16 ottobre, non erano supportate, per quanto riguarda la posizione di Alessandro Marciano da rilievi obbiettivi a supporto delle dichiarazioni. Quindi la posizione di Alessandro Marciano' tornerà davanti la corte d'assise d'appello di Reggio Calabria, dove si celebrerà un nuovo processo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: vedremo cosa farà Trump. Mi preoccupa sproporzione economica
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Terremoti
Terremoto, Ingv: da agosto ad oggi oltre 48mila scosse
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4