giovedì 23 febbraio | 13:38
pubblicato il 09/ott/2011 19:30

Forte dei Marmi mette uno stop a nuovi locali 'etnici'

Un'ordinanza del sindaco, che non chiude gli esercizi esistenti

Forte dei Marmi mette uno stop a nuovi locali 'etnici'

Firenze, 9 ott. (askanews) - Un limite a negozi di kebab, ristoranti cinesi, ma anche irish pub o negozi di abbigliamento indiani. Accade a Forte dei Marmi, in Versilia, dove il sindaco Umberto Buratti, eletto con una lista civica di centro-sinistra, ha emesso un'ordinanza che vieta l'apertura di ulteriori negozi che non siano propriamente 'italiani'. L'ordinanza non impone la chiusura dei negozi etnici, ma mette un blocco alla concessione di nuove licenze. "Anche a Forte abbondano negozi che si richiamano a merce estera - spiega il sindaco - vogliamo semplicemente mettere loro un limite". Vi è un 'casus belli' da cui parte tutta la vicenda: è la demolizione del mercato centrale della cittadina versiliese: "qua non potranno sorgere negozi che non si rifanno all'italianità. Potranno essere venduti solo prodotti locali e italiani. Sarà un modo anche di rilanciare il nostro artigianato". "Ad ogni modo - conclude il sindaco - non è vero da noi non si potrà più mangiare etnico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech