sabato 03 dicembre | 14:48
pubblicato il 07/feb/2013 12:00

Fonsai/ Sette nuovi avvisi garanzia per infedelta' patrimoniale

A seguito querele da piccoli azionisti. In corso perquisizioni

Fonsai/ Sette nuovi avvisi garanzia per infedelta' patrimoniale

Torino, 7 feb. (askanews) - Sette nuovi avvisi di garanzia sono stati spiccati questa mattina per infedelta' patrimoniale nei confronti di altrettanti indgati nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Torino, su Fondiaria Sai, avviata nell'agosto 2012 per falso in bilancio ed ostacolo alla vigilanza relativamente agli anni tra il 2008 e il 2011. Ad emettere i provvedimenti, notificati dalle Fiamme Gialle, il procuratore aggiunto Vittorio Nessi e il sostituto Marco Gianoglio. Secondo quanto riferito dalle guardia di Finanza di Torino sono anche in corso delle perquisizioni domiciliari. La nuova ipotesi di reato scaturisce dalla presentazione di numerose querele da parte di azionisti di Fondiaria-Sai, attraverso associazioni di consumatori. I piccoli azionisti hanno denunciato condotte gestionali dei vertici della societa' assicurativa in conflitto d'interesse con Fonsai, che avrebbero provocato dei danni patrimoniali. Tra queste, consulenze e contratti per servizi, stipulati dal gruppo Fondiaria SAI con società riconducibili alla famiglia Ligresti, che avrebbero determinato l'uscita dalle casse del Gruppo di decine di milioni di euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari