venerdì 09 dicembre | 14:52
pubblicato il 28/gen/2014 17:40

Fonsai: gip, no patteggiamento per Jonella Ligresti, pena non congrua

(ASCA) - Torino, 28 gen 2014 - Il gip del tribunale di Torino Sandra Recchione non ha ratificato il patteggiamento di Jonella Ligresto alla pena di 3 anni e 4 mesi e 30mila euro di multa per falso in bilancio e aggiotaggio informativo in relazione al maxi buco emerso nel bilancio 2010 di Fonsai, di cui era presidente. Il giudice ha ritenuto la pena non congrua e ora le parti, pm e difesa, dovranno concordare una nuova sanzione. In una memoria consegnata al giudice, Jonella, figlia di Salvatore Ligresti, ha ammesso di essere stata a conoscenza di quanto accadeva nella societa' e in particolare della sottovalutazione del fondo sinistri per oltre 500 milioni. In aula erano stati ammessi i legali di alcune associazioni dei consumatori, Codacons, Movimento Consumatori, Adoc, Adusbef, Assoconsum, ma in quanto rappresentanti diretti delle parti offese, una cinquantina in tutto, che tra i primi avevano presentato una denuncia in procura. I legali dei risparmiatori, che hanno potuto essere ascoltati, ma che non sono parti del processo, avevano dichiarato la loro contrarieta' alla pena concordata, alla luce dei danni cagionati ai risparmiatori - complessivamente vale a dire per i 12mila piccoli azionisti coinvolti, si parla di 251 milioni - e in mancanza di un atto risarcitorio da parte di Jonella Ligresti.

Il gip ha ritenuto la pena non congrua sia sotto il profilo dell'entita' (circa la meta' rispetto alla pena edittale), sia per la concessione delle attenuanti generiche in relazione alla gravita' delle conseguenze, il danno per i risparmiatori, sia infine per il mancato risarcimento nei confronti delle parti offese. ''Siamo un po' sorpresi - ha commentato l'avvocato Di Lucia. pensavamo che il patteggiamento fosse accolto anche perche' c'era il parere di congruita' della procura''. Non e' scontato comunque che la difesa di Jonella Ligresti chieda un nuovo patteggiamento, in alternativa infatti potrebbe decidere di confluire nel processo principale. E in questo senso sara' importante attendere la decisione del giudice, domani sull'eventuale incompetenza territoriale del tribunale di Torino a favore di quella di Milano o Firenze.

Soddisfatti i legali dei consumatori. ''Per la prima volta le parti offese hanno potuto esprimersi in questa fase del processo - dice l'avvocato Giuseppe Bonavita di Assoconsum - c'e' ora la possibilita' di ottenere un risarcimento e un nuovo accordo tra le parti dovra' tenerne conto''.

eg/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina