martedì 21 febbraio | 19:50
pubblicato il 08/nov/2013 12:00

Fondi Ue per L'Aquila "puliti", ma c'erano appalti "irregolari"

Commissione: "Procedure d'emergenza non erano più giustificate"

Fondi Ue per L'Aquila "puliti", ma c'erano appalti "irregolari"

Bruxelles, 8 nov. (askanews) - La portavoce responsabile per le Politiche regionali della Commissione europea, Shirin Wheeler, ha reso note stasera a Bruxelles alcuni dettagli e cifre sulle irregolarità riscontrate nelle procedure d'appalto per i contratti (soprattuttto per la costruzione di abitazioni temporanee) nell'area colpita dal terremoto dell'Aquila nel 2009, ribadendo comunque che "il denaro del Fondo Ue di Solidarietà dato all'Abruzzo o alle autorità italiane non è andato perso e i soldi dei contribuenti non sono stati sprecati". Secondo la portavoce, "non c'è stato bisogno di recuperare fondi", e i finanziamenti, ha insisitito, "sono stati usati per "progetti puliti", che sono stati sottoposti all'audit della stessa Commissione, ormai concluso. Il rapporto dell'audit sarà trasmesso all'Europarlamento nei prossimi giorni. In pratica la Commissione, potendo scegliere i progetti da finanziare in una lista presentata dalle autorità italiane che comportava una spesa (920 milioni di euro) quasi doppia rispetto ai fondi Ue stanziati (494 milioni), è riuscita a evitare di finanziare progetti che presentavano "irregolarità". Tali irregolarità, ha spiegato la portavoce, riguardavano soprattutto le procedure d'urgenza usate per gli appalti destiti dalla Protezione Civile, che erano consentite da un decreto del governo italiano, ma che non erano più giustifiate a diversi mesi di distanza dal terremoto. Secondo le conclusioni dell'audit della Commissione, "la fase di emergenza immediata era terminata e avrebbero dovuto essere usate le normai procedure d'appalto. Questo è stato perciò considerato irregolare". Secondo la Commissione, gli appalti irregolari hanno riguardato l'assegnazione di contratti per 315 milioni di euro, di cui 181 milioni relativi alla costruzione degli edifici temporanei del cosiddetto progetto CASE. Essendo il costo complessivo del progetto CASE pari a 810 milioni, Bruxelles ha potuto attribuire i fondi Ue per 350 milioni di euro a una parte dei progetti sottoposti ad appalti regolari, finanziati con i restanti 629 milioni di euro (810-181 milioni), ha spiegato la portavoce nella nota.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia