martedì 24 gennaio | 12:37
pubblicato il 08/nov/2013 12:00

Fondi Ue per L'Aquila "puliti", ma c'erano appalti "irregolari"

Commissione: "Procedure d'emergenza non erano più giustificate"

Fondi Ue per L'Aquila "puliti", ma c'erano appalti "irregolari"

Bruxelles, 8 nov. (askanews) - La portavoce responsabile per le Politiche regionali della Commissione europea, Shirin Wheeler, ha reso note stasera a Bruxelles alcuni dettagli e cifre sulle irregolarità riscontrate nelle procedure d'appalto per i contratti (soprattuttto per la costruzione di abitazioni temporanee) nell'area colpita dal terremoto dell'Aquila nel 2009, ribadendo comunque che "il denaro del Fondo Ue di Solidarietà dato all'Abruzzo o alle autorità italiane non è andato perso e i soldi dei contribuenti non sono stati sprecati". Secondo la portavoce, "non c'è stato bisogno di recuperare fondi", e i finanziamenti, ha insisitito, "sono stati usati per "progetti puliti", che sono stati sottoposti all'audit della stessa Commissione, ormai concluso. Il rapporto dell'audit sarà trasmesso all'Europarlamento nei prossimi giorni. In pratica la Commissione, potendo scegliere i progetti da finanziare in una lista presentata dalle autorità italiane che comportava una spesa (920 milioni di euro) quasi doppia rispetto ai fondi Ue stanziati (494 milioni), è riuscita a evitare di finanziare progetti che presentavano "irregolarità". Tali irregolarità, ha spiegato la portavoce, riguardavano soprattutto le procedure d'urgenza usate per gli appalti destiti dalla Protezione Civile, che erano consentite da un decreto del governo italiano, ma che non erano più giustifiate a diversi mesi di distanza dal terremoto. Secondo le conclusioni dell'audit della Commissione, "la fase di emergenza immediata era terminata e avrebbero dovuto essere usate le normai procedure d'appalto. Questo è stato perciò considerato irregolare". Secondo la Commissione, gli appalti irregolari hanno riguardato l'assegnazione di contratti per 315 milioni di euro, di cui 181 milioni relativi alla costruzione degli edifici temporanei del cosiddetto progetto CASE. Essendo il costo complessivo del progetto CASE pari a 810 milioni, Bruxelles ha potuto attribuire i fondi Ue per 350 milioni di euro a una parte dei progetti sottoposti ad appalti regolari, finanziati con i restanti 629 milioni di euro (810-181 milioni), ha spiegato la portavoce nella nota.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4