lunedì 05 dicembre | 20:02
pubblicato il 27/set/2012 17:38

Fondi Pdl/ Fiorito condannato dalla Corte dei conti nel 2005

Impiegò denaro pubblico con finalità di autopromozione

Fondi Pdl/ Fiorito condannato dalla Corte dei conti nel 2005

Roma, 27 set. (askanews) - A carico di Franco Fiorito, indagato per peculato in relazione all'inchiesta sui fondi del Pdl alla Regione Lazio, risulta una condanna nel 2005 da parte della Corte dei conti. Oggetto della questione, che risale al periodo in cui Fiorito era sindaco di Anagni, è una disposizione a risarcire l'amministrazione nella misura di 3mila euro per aver impiegato denaro pubblico per finalità di autopromozione. I fatti si riferiscono alle spese per la manifestazione 'Estate di Anagni 2003', evento per il quale, Fiorito fece stampare, si legge nella sentenza, 170mila depliants illustrativi, per un importo di 28mila euro. In base a quanto accertato dalla Guardia di finanza di Frosinone, la brochure più che pubblicizzare l'evento realizzava "la personale promozione del sindaco Fiorito" attraverso denaro pubblico.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari