sabato 21 gennaio | 03:09
pubblicato il 03/mag/2013 12:00

Fondi editoria/ Lavitola ottiene gli arresti domiciliari

Ma resta in cella per via di un altro processo

Fondi editoria/ Lavitola ottiene gli arresti domiciliari

Napoli, 3 mag. (askanews) - Arresti domiciliari per Valter Lavitola nell'ambito del procedimento per la gestione dei finanziamenti al quotidiano l'Avanti. Lo ha stabilito il giudice Francesco Cananzi del tribunale di Napoli accogliendo l'istanza presentata dall'avvocato Gaetano Balice. Lavitola, però, non lascerà la cella: resta recluso nel carcere di Secondigliano per via di un'altra vicenda giudiziaria. L'ex direttore, infatti, risulta coinvolto nel procedimento per tentata estorsione ai danni di Silvio Berlusconi per cui è stato condannato in primo grado a tre anni e otto mesi con rito abbreviato. E' indagato, inoltre, nell'inchiesta sulla presunta compravendita di senatori in cui sono indagati anche l'ex premier Berlusconi e l'ex senatore Sergio De Gregorio. L'attenuazione della misura cautelare per la truffa sui fondi destinati all'editoria alleggerisce tuttavia la posizione di Lavitola. Il giudice ha ridimensionato la misura cautelare e ha concesso i domiciliari con l'applicazione del bracialetto elettronico per l'ex direttore dell'Avanti nella sua abitazione di Roma. Il provvedimento è stato emesso a conclusione di un complesso iter procedimentale che ha richiesto l'interrogatorio di Lavitola sui profili cautelari e un serrato confronto tra la difesa e la Procura che per due volte aveva espresso parere negativo sulla attenuazione della misura. "Finalmente uno spiraglio di luce in una vicenda giudiziaria senza precedenti (5 misure cautelari in 18 mesi) che vede il Lavitola detenuto dal 16 aprile 2012 - afferma l'avvocato Balice - . Cominciano a vedersi i riscontri al leale percorso giurisdizionale assunto (patteggiamento per la vicenda "Avanti" e rito abbreviato per il tentativo di estorsione in danno di Silvio Berlusconi) dal Lavitola rientrato in Italia per affrontare i giudizi e cominciare una nuova vita. Si confida che presto ottenga la scarcerazione anche per il processo giudicato con rito abbreviato per cui resta in carcere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4