lunedì 05 dicembre | 00:11
pubblicato il 03/feb/2013 14:11

Fiumicino, le prime immagini dell'Atr72 con la livrea Alitalia

Aereo Carpatair fuori pista: 16 feriti di cui 2 gravi

Fiumicino, le prime immagini dell'Atr72 con la livrea Alitalia

Roma, (askanews) - L'Atr 72 della compagnia romena Carpatair in servizio per Alitalia giace come spiaggiato sulla terza pista di Fiumicino. Poco dopo le 20.30 del due febbraio il velivolo, proveniente da Pisa con 50 passeggeri a bordo, è finito fuori pista per colpa, sembra, di una forte raffica di vento. A bordo si scatenano panico e paura, intervengono i soccorritori: alla fine si conteranno 16 feriti, di cui due, un passeggero e la copilota romena, gravi ma non in pericolo di vita. L'incidente, oltre allo spavento, si trascina dietro una selva di polemiche, che prendono di mira Alitalia: questa, infatti, è la quinta volta che si registra un episodio del genere dal dicembre 2011, quando fu sottoscritto l'accordo con la compagnia di Timisoara. Il vettore italiano, a poche ore dall'incidente, ha sospeso quell'intesa facendosi carico di coprire coi propri mezzi le tratte servite dalla Carpatair. Ma a gettare benzina sul fuoco è un altro dettaglio: dall'Atr 72 nel giro di una notte è scomparsa la livrea dell'Alitalia che in queste immagini girate poco dopo l'incidente è chiaramente presente. Sul velivolo restano solo la matricola YR-ATS e la bandierina della Romania.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari