martedì 06 dicembre | 16:07
pubblicato il 15/feb/2012 12:17

Fisco/Cellulari in saldo e società cartiere:frode da 240 milioni

Il procuratore Laviani: "Con la crisi aumento fenomeni illeciti"

Fisco/Cellulari in saldo e società cartiere:frode da 240 milioni

Roma, 15 feb. (askanews) - "In un periodo di crisi il mercato subisce la concorrenza distorta. Perché gli operatori disonesti che fanno ricorso alla falsa fatturazione frodando il fisco, possono presentare offerte, sconti, prezzi di favore. Ed il risultato è che il commerciante onesto si trova tagliato fuori". Così ha detto il procuratore aggiunto di Roma, Pierfilippo Laviani, presentando i risultati di una operazione del comando provinciale della Guardia di Finanza della Capitale, che ha permesso di scoprire una frode Iva superiore ai 240 milioni di euro. "Il metodo era semplice - è stato spiegato dagli investigatori - attraverso una fitta rete di società 'cartiere' ed una azienda in Romania è stato creato un castello di documenti che riguardava la commercializzazione vera o presunta di materiale elettronico". I "beneficiari" del business illegale potevano essere negozianti o imprese? "Stiamo svolgendo ulteriori accertamenti per capire le esatte dimensioni del fenomeno, che comunque appare sin dalle prime analisi diffuso e grave", ha continuato il generale Ignazio Gibilaro, che insieme con il colonnello Fabio Massimo Mendella, ha coordinato gli investigatori delle Fiamme gialle. Il "sodalizio criminoso" aveva riferimenti a Roma e Napoli, in due famiglie ufficialmente nullatenenti ma che avevano interessi a molti zeri dall'affare messo in piedi. "Secondo le prime verifiche il raggiro sul territorio nazionale, è andato dal 2007 al 2011. Le società coinvolte erano 51 nel Lazio, 27 in Campania, 8 in Veneto, 7 in Emilia, 5 Lombardia, una in Puglia e Calabria". "Sono state eseguite circa 150 perquisizioni e sequestrata tutta la documentazione contabile ed extracontabile necessaria a supportare la frode, ma anche computer ed altro materiale elettronico. Ad oggi, sono novanta i responsabili denunciati per reati tributari e frode fiscale". Gli uomini della Gdf hanno segnalato all'autorità giudiziaria mobili e immobili per procedere al "sequestro per equivalente". Abitazioni, terreni, quote societarie, auto e barche sono riconducibili ai sei componenti della banda, per un valore di circa 3 milioni di euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Wine2Wine: Germania mercato maturo e complesso
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni