sabato 03 dicembre | 12:53
pubblicato il 19/mag/2011 12:08

Fisco/ Un contribuente su 8 a rischio povertà, peggio al Nord

Analisi redditi Comuni: Torino e Milano sopra media, meglio Roma

Fisco/ Un contribuente su 8 a rischio povertà, peggio al Nord

Roma, 19 mag. (askanews) - In Italia un contribuente su otto è a rischio povertà e le situazioni peggiori si riscontrano al centro-nord e in Sardegna. quanto rivela un rapporto del Centro studi Sintesi di Venezia che ha analizzato il 'rischio povertà' a livello territoriale, un indice che esprime la percentuale di contribuenti che dichiarano un reddito inferiore ad una determinata soglia critica, variabile da comune a comune e che dipende dai differenti livelli di spesa per consumi delle famiglie, dalla dimensione media familiare e dal numero medio di percettori di reddito per ciascun nucleo familiare. Secondo lo studio (che prende in considerazione dati Istat e del Ministero delle Finanze del 2008), considerando i 117 comuni capoluogo di provincia, in media circa il 12,2% dei contribuenti (1,2 milioni di persone) dichiara un reddito inferiore alla soglia media di povertà (9.893 euro annui, a fronte di un reddito medio di 26.434 euro). Il Centro studi Sintesi ha stilato anche una classifica dei comuni più a rischio di povertà locale. Al primo posto c'è Barletta, dove il 30,4% dei contribuenti presenta un livello di reddito inferiore alla soglia di povertà locale. Segue Villacidro (capoluogo con Sanluri della provincia del Medio Campidano in Sardegna) con una quota di contribuenti con reddito sotto la soglia di povertà locale del 26,1%. Al terzo posto c'è Rimini, con una quota di contribuenti con reddito al di sotto della soglia di povertà locale del 25,1%. Scorrendo la graduatoria, nella 'top ten' ci sono diverse città del centro-nord: Massa (20,8%), Brescia (20%), Sanluri (19,7%)), Verbania (19,4%), Fermo (19,3%), Carrara e Crotone (19,2%). Tra le grandi città, a parimerito Torino e Milano (16esima e 17esima) con una quota di contribuenti con reddito sotto la soglia di povertà locale del 17,5% e sopra la media nazionale del 12,2. Entrambe migliorano rispetto alla precedente rilevazione (erano 11esima e 12esima). Segue Napoli al 34esimo posto (16,3%, era 36esima), poi Genova (54esima: 14,4%, era 57esima), Bologna (64esima: 14%, era 53esima), Palermo (74esima: 13,3%, era 72esima), Firenze (76esima: 13,2%, era 81esima) e Roma (80esima: 12,9%, posizione stabile). In fondo alla classifica - e quindi con un indice più basso di povertà locale - tra gli ultimi 10 comuni ce ne sono otto del Sud: chiudono la graduatoria Matera (8%), Potenza (7,4%) e Avellino (7%). Per Catia Ventura, direttrice del Centro studi Sintesi, "dallo studio si evince che tendenzialmente le città del Mezzogiorno presentano basse percentuali di contribuenti a rischio rispetto ai comuni del Settentrione, un fenomeno imputabile al maggiore costo della vita riscontrabile nei comuni settentrionali, che erode il reddito delle persone fisiche in proporzione maggiore di quanto non avvenga al Sud. Più semplicemente disporre di un reddito in linea con la media nazionale di per sé non mette i cittadini al riparo dal rischio 'povertà', poiché molto dipende dal costo della vita della città in cui si vive e si lavora".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari