martedì 24 gennaio | 02:47
pubblicato il 24/mar/2014 10:56

Fisco: Quattroruote, evasori bollo auto provocano buco da 850 mln

Fisco: Quattroruote, evasori bollo auto provocano buco da 850 mln

(ASCA) - Milano, 24 mar 2014 - 850 milioni di euro: e' l'ammontare del ''buco'' nelle entrate fiscali relativo alla tassa di possesso, piu' conosciuta come bollo. Una cifra imponente, che emerge dai conti elaborati da Quattroruote insieme all'Aci: a fronte di 34,4 milioni di veicoli soggetti alla tassa, infatti, il gettito stimato e' di 6,45 miliardi di euro, ma quello effettivamente riscosso dalle Regioni si ferma a 5,6 miliardi.

Nell'indagine pubblicata nel numero di aprile, Quattroruote sollecita insieme all'Aci un'azione piu' determinata da parte degli enti preposti ai controlli al fine di stanare gli evasori che indenni continuano a passare i controlli e che, comunque, non rischiano molto, vista l'esiguita' delle sanzioni previste per chi almeno paga dopo la scadenza. Solo l'Emilia Romagna ha reso noti introiti, nel 2013, per 473,4 milioni di euro e richieste di pagamento, tra avvisi ''bonari'' e cartelle di Equitalia, per 41 milioni di euro mai pagati. In Campania, invece, stime attendibili parlano di circa mezzo milione di evasori totali della tassa. Malgrado le pensanti ripercussioni sui loro bilanci, raramente le Regioni applicano la facolta' di chiedere la cancellazione d'ufficio del veicolo dagli archivi del Pra - e quindi il ritiro di targa e carta di circolazione - come previsto dall'art 96 del Codice della Strada dopo almeno 3 anni di mancato pagamento. A Quattroruote il presidente dell'Aci Angelo Sticchi Damiani spiega come, dopo la maxi radiazione avvenuta nel 1999 in concomitanza con il passaggio del tributo dallo Stato agli enti locali (2 milioni di veicoli), solo Lombardia e Lazio abbiano continuato a ricorrere con regolarita' al provvedimento. Eppure, secondo le stime dell'Aci, sarebbero ancora un milione i veicoli abbandonati o finiti all'estero senza che la loro posizione venisse regolarizzata. La loro radiazione permetterebbe alle Regioni il risparmio delle spese relative ai tentativi di recupero di crediti di fatto inesigibili, stimate in circa 25 milioni di euro l'anno.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4