mercoledì 07 dicembre | 19:35
pubblicato il 25/gen/2012 12:43

Fisco/ Incassano pensioni dei defunti per 8 mln: 79 denunciati

Operazione Gdf in collaborazione con l'Inpdap in 45 province

Fisco/ Incassano pensioni dei defunti per 8 mln: 79 denunciati

Roma, 25 gen. (askanews) - In 79 sono stati denunciati, 4 dei quali arrestati in flagranza, perchè riscuotevano da anni le pensioni di persone defunte, per un totale di 8 milioni di euro sottratti alla collettività. Alcuni riscuotevano le pensioni dei propri parenti morti fin dal 1986 e tra i truffatori ci sono insegnanti, avvocati e dipendenti pubblici. L'operazione è stata effettuata dal nucleo speciale spesa pubblica e repressione frodi comunitarie della Guardia di Finanza che, in stretta collaborazione con l'Inpdap, ha sviluppato un'analisi di rischio per individuare i casi di persone che si sono sostituiti a pensionati defunti ed hanno continuato a percepirne le pensioni. L'analisi è stata condotta sull'intero territorio nazionale ed ha preso in considerazione 2.700.000 posizioni pensionistiche, vale a dire la complessiva platea di pensionati gestisti dall'Inpdap. Sono così stati stanati coloro che da prima del 2008 si erano sostituiti ai defunti e le indagini sono tuttora in corso per far emergere le posizioni di coloro che hanno agito nello stesso modo dopo il 2008. Il 16 gennaio è scattata l'operazione delle Fiamme Gialle: i truffatori, pronti come ogni mese a riscuotere le pensioni, hanno trovato ad aspettarli in banca o negli uffici postali i finanzieri. Le pensioni, i libretti postali, i conti correnti sono stati sequestrati. 79 persone sono state denunciate, di cui 4 tratte in arresto in flagranza. Il danno accertato è di circa 8 milioni di euro. Oltre un milione di euro è stato però già recuperato con il sequestro delle giacenze sui conti. Le indagini proseguono ulteriormente sul piano patrimoniale per operare altri "sequestri per equivalente". Tra i casi più significativi, quelli di una insegnante, della provincia di Messina che riscuoteva, dal 1999, la pensione della madre deceduta, di una un'imperterrita tutrice, che sin dal 1986, ogni mese, è andata allo sportello a ritirare la pensione spettante ad un familiare defunto e ancora della moglie di un professionista, residente in provincia di Avellino, che dal 2005 incassava la pensione di reversibilità della defunta madre. (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni