domenica 22 gennaio | 16:13
pubblicato il 14/feb/2014 09:44

Fisco: Gdf sequestra a imprenditore Pordenone beni per 17 mln

Fisco: Gdf sequestra a imprenditore Pordenone beni per 17 mln

(ASCA) - Pordenone, 14 feb 2014 - La Guardia di Finanza confisca a un imprenditore di Pordenone 32 immobili, tra cui una magnifica villa del '700 e parte di un palazzo nobiliare ubicato a due passi dal Ponte di Rialto a Venezia, uno yacht di 13 metri e sette autovetture storiche tra le quali una Ferrari, una Porsche ed una MG. L'uomo, un commerciante di prodotti informatici, era stato denunciato dal Nucleo di Polizia Tributaria di Pordenone per una frode fiscale da quasi 17 milioni di euro. A fronte di tali importi erano state emesse sette cartelle esattoriali. Nel frattempo che la procedura di emissione dei titoli di pagamento si perfezionasse - ricostruisce una nota della Gdf - l'imprenditore, con l'intento di non corrispondere quanto dovuto allo Stato, si era spogliato dell'ingente patrimonio personale che aveva riversato in due fondi patrimoniali, uno alimentato dai propri beni immobili e l'altro da quelli mobili registrati. Il conferimento dei beni nei due fondi, formalmente destinati a soddisfare le esigenze familiari, secondo gli intenti dell'uomo sarebbe servito ad impedire la loro eventuale acquisizione coattiva a soddisfazione del credito erariale. I finanzieri, tuttavia, qualificavano tale destinazione patrimoniale un atto in frode alla legge in quanto unicamente diretto a sottrarre, fraudolentemente, i beni alle legittime pretese creditorie dell'Erario. Le Fiamme Gialle pordenonesi non si limitavano solo a denunciare nuovamente l'imprenditore, ma proponevano anche alla Autorita' Giudiziaria l'acquisizione dei beni confluiti nei due fondi, che venivano effettivamente sequestrati su disposizione del Gip di Pordenone. L'imprenditore, a seguito del ricorso presentato al Tribunale di Pordenone, riotteneva indietro i beni, ma solo temporaneamente poiche' la Corte di Appello di Trieste, cui aveva fatto a sua volta opposizione la Procura della Repubblica di Pordenone, lo condannava per il reato di ''sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte'' ed ordinava la confisca dei beni. L'imprenditore presentava inutilmente ricorso in Cassazione e pertanto la sentenza di condanna e la correlata confisca divenivano definitive. red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Papa
Papa: vedremo cosa farà Trump. Mi preoccupa sproporzione economica
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4