martedì 06 dicembre | 10:02
pubblicato il 16/lug/2013 15:43

Firenze: rischia morte per puntura calabrone, ma vaccinarsi e' possibile

(ASCA) - Firenze, 16 lug - Punto da un calabrone ha rischiato di morire ma oggi e' possibile vaccinarsi. La brutta avventura e' accaduta venerdi' scorso a un giardiniere fiorentino di 37 anni. Gia' punto in passato da alcune vespe che gli avevano procurato gonfiori locali, mentre stava lavorando e' stato punto al naso dall'insetto.

Insieme al prurito tipico di un'orticaria, ha iniziato ad avere difficolta' a respirare fino a perdere conoscenza.

Fortunatamente prima di perdere i sensi e' riuscito a chiamare il 118. Il personale dell'emergenza lo ha trasportato all'ospedale di Torregalli iniettandogli durante il tragitto l'adrenalina che ha impedito lo choc anafilattico.

Ricoverato per un giorno e' stato poi dimesso, ma ora verra' preso in cura da una task force in grado di intervenire quando il pungiglione di un imenottero scatena in un individuo reazioni che possono essere mortali. Alla struttura si rivolgono in media ogni settimana 6 pazienti allergici a quel veleno, e piu' di 600 persone ogni mese effettuano la vaccinazione, il 60% dei quali proveniente da altre Asl.

Gli imenotteri sono un ordine di insetti che comprende oltre 120.000 specie diffuse in tutto il mondo, di piccole, medie e grandi dimensioni, terrestri, alati o atteri, tra i quali sono comprese le api, le vespe e i calabroni. Il dottor Maurizio Severino, responsabile del Centro, spiega che e' importante distinguere ''il tipo della sintomatologia, perche' dopo una reazione sistemica il rischio di sviluppare una risposta analoga in caso di nuova puntura e' compresa tra il 40% ed il 65%. Invece solo il 5-10% dei pazienti con anamnesi di reazioni locali estese sviluppa una reazione sistemica alla successiva puntura. Entrambi i tipi di reazione sono comunque motivo di valutazione allergologica''.

A chi dunque e' stato punto con conseguenze gravi puo' capitare di diventare allergico e rischia, se la cosa succede di nuovo, di stare ancor peggio. Dopo che con i test e' stata verificata l'allergia al veleno, e' possibile avviare trattamenti di prevenzione basati sulla vaccinazione o sull'immunoterapia specifica (ITS) con veleno purificato.

afe/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari