venerdì 24 febbraio | 13:38
pubblicato il 18/ago/2011 08:03

Firenze/ Renzi contro la pubblicità con i nani da giardino

I cartelli 'che puzza!' si associano a piazza della Signoria

Firenze/ Renzi contro la pubblicità con i nani da giardino

Firenze, 18 ago. (askanews) - I cartelloni pubblicitari del Wc Net, nei quali compaiono alcuni nani da giardino che esibiscono i cartelli 'che puzza!', secondo il sindaco Matteo Renzi, ledono l'immagine di Firenze. In particolare, su segnalazione di un cittadino forlivese che ha visto uno di questi cartelli vicino alla stazione ferroviaria della propria città, Renzi si è indignato per la scelta di Piazza della Signoria, come sfondo dove protestano i nani. E' "un danno di immagine pazzesco", ha detto Renzi. Lo slogan recita: "la protesta dai nani contro i cattivi odori della fossa biologica arriva nelle piazze". Ma, secondo il primo cittadino fiorentino, sembra invece che a puzzare sia propria piazza della Signoria. Per questo Renzi comunica di aver "dato mandato ai legali di verificare la richiesta di risarcimento danni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech