domenica 04 dicembre | 01:22
pubblicato il 25/nov/2011 16:01

Firenze, bambina morì di peritonite: Asl condannata ma non paga

Un caso di inadempienza del 2008. Risarcimento da tre milioni

Firenze, bambina morì di peritonite: Asl condannata ma non paga

Firenze, 25 nov. (askanews) - Una famiglia di Molin del Piano, nel fiorentino, aspetta da un anno il pagamento di tre milioni di euro cui è stato condannata l'Asl, a seguito della morte per peritonite di una bambina, che aveva 11 anni. La causa del decesso, secondo quanto accertato, fu appendicite non diagnosticata dai medici. A farlo sapere è l'avvocato che segue il caso, Filippo Viggiano: "di questo passo dovremo chiedere l'intervento coatto con sequestro". La piccola, Eleonora, morì nel 2008, dopo un mese di agonia. Il tribunale di Firenze, nel gennaio 2011, ha condannato la pediatra, il medico di guardia, ad un anno e a 8 mesi rispettivamente, ed estese la responsabilità titolare del servizio all'epoca dei fatti in ferie. "E' vero - commenta ancora Viggiano - che giuridicamente l'Asl può rifiutarsi di adempiere alla sentenza, ma dal punto di vista etico, e anche dei costi a carico alla collettività, è un fatto gravissimo. Per non parlare dell'incredibile sofferenza per la famiglia". L'Asl, per di più, ha fatto ricorso in appello per bloccare il pagamento della provvisionale e un'udienza è stata fissata per il 13 dicembre.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari