martedì 24 gennaio | 12:41
pubblicato il 29/nov/2013 13:35

Filippine: Protezione civile, proseguono attivita' team italiani

Filippine: Protezione civile, proseguono attivita' team italiani

(ASCA) - Roma, 29 nov - Proseguono le attivita' dei team italiani inviati nelle Filippine dal Dipartimento della Protezione civile a seguito dell'emergenza causata dal tifone Hayan: in una settimana, il personale sanitario del Posto medico avanzato (Pma) dell'Ares-Associazione regionale di emergenza sanitaria e sociale della regione Marche ha visitato oltre mille pazienti, di cui circa un terzo bambini.

Lo riferisce la Protezione civile in una nota sottolineando che iI professionisti italiani - attualmente operativi nella periferia di Burauen, a circa 50 km da Tacloban, nella provincia di Leyte, in una zona con forti dislivelli e strade interrotte che non hanno consentito ai soccorsi di giungere con facilita' - hanno gestito casi di chirurgia minore e di internistica tra i quali, in particolare, malattie respiratorie, intestinali e del metabolismo, assicurando anche esami ecografici e trattamento di infezioni oculari o dermatologiche. Il personale dell'ospedale da campo marchigiano, per fronteggiare i casi piu' urgenti e difficili da risolvere in loco, ha preso accordi sia con le autorita' filippine locali al fine di garantire un servizio di ambulanza h24, sia con i colleghi australiani impegnati in una struttura simile a Tacloban che possono far fronte a interventi chirurgici maggiori e svolgere indagini diagnostiche radiologiche o di laboratorio. Fondamentale, inoltre, e' stato il supporto psicologico attivato in favore dei bambini della comunita' di Burauen duramente colpita dal tifone. Su richiesta di Bruxelles, il sistema italiano di protezione civile, oltre all'ospedale da campo allestito dove sorgeva un ambulatorio medico ora privo di strutture sanitarie di riferimento, ha mobilitato anche un modulo per il supporto tecnico-operativo (Tast) al team del Meccanismo europeo di protezione civile presso il Reception Departure Center, punto di arrivo delle squadre di soccorso internazionali allestito all'interno dell'aeroporto di Tacloban. Il team italiano - composto da funzionari del Dipartimento nazionale e della Regione Piemonte - cessate le esigenze del coordinamento europeo, rientrera' in Italia domenica 1* dicembre.

Lunedi', inoltre, si svolgera' il cambio del turno tra il personale del dipartimento della Protezione Civile e delle Marche presente nelle Filippine dalla scorsa settimana e quello in partenza in queste ore dall'Italia, che garantira' la continuita' degli interventi a supporto della popolazione coinvolta nell'emergenza.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4