martedì 24 gennaio | 04:31
pubblicato il 11/nov/2013 15:23

Filippine: Migrantes, sostenere filippini che lavorano in Italia

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 11 nov - Mentre continuano ad arrivare le immagini drammatiche e devastanti del tifone nelle Filippine, continua anche la preghiera delle numerose comunita' cattoliche filippine in Italia.

Gli oltre 150.000 filippini in Italia, riferisce la Fondazione Migrantes, ieri si sono incontrati nelle chiese, nelle associazioni di Roma e Milano, di Firenze, Verona, Padova, Treviso, Siracusa, Reggio Calabria, Viareggio per raccogliere informazione sui familiari, organizzare i primi aiuti.

Tra i Paesi europei l'Italia, dopo la Gran Bretagna, ha il piu' alto numero di filippini, arrivati in Italia a partire dagli anni '70 ed oggi con molti giovani di seconda generazione.

''Il loro apprezzato lavoro nelle famiglie, nei luoghi di turismo, tra i marittimi - afferma il direttore generale della Fondazione Migrantes, monsignor Giancarlo Perego - il loro percorso di integrazione e la loro esperienza di fede rendono importante in questo dramma fare sentire la vicinanza delle Chiesa in Italia''.

''In questo momento alla preghiera - aggiunge mons. Perego - diventa fondamentale la solidarieta' concreta di tutti, perche' i filippini in Italia si sentano sostenuti e, al tempo stesso, perche' si creino le condizioni, ad esempio, permessi straordinari retribuiti ai lavoratori per la visita in patria alle famiglie o detassazione delle rimesse, perche' le famiglie filippine non siano costrette a vivere un dramma a distanza, per l'impossibilita' di raggiungere la propria terra''.

In Italia operano nella pastorale per i filippini 120 presbiteri diocesani e religiosi. Il coordinatore nazionale, padre Paulino Elmer Bumanglag, e' in contatto con tutte le comunita' cattoliche presenti in Italia per avere informazioni e coordinare gli aiuti. ''La Chiesa filippina e l'intera popolazione - spiega padre Paulino - continuano a pregare per le anime dei defunti che potrebbero essere piu' di 12 mila''. Il sacerdote ricorda che negli ultimi due anni sono state sei le calamita' naturali che hanno colpito le Filippine, con migliaia di morti.

dab/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4