martedì 17 gennaio | 12:56
pubblicato il 20/feb/2015 12:01

Feyenoord, Confesercenti: "Scandalosa impreparazione sicurezza"

Bussoni: "Devastazioni si potevano prevenire ed evitare"

Feyenoord, Confesercenti: "Scandalosa impreparazione sicurezza"

Roma, (askanews) - Condanna agli episodi di violenza e di devastazione a Roma da parte degli hooligans del Feyenoord in occasione della partita di Europa League arriva da Mauro Bussoni, segretario generale di Confesercenti.

"Da una parte ci troviamo di fronte ad incivili che frequentano in modo balordo le nostre città. Chi opera a Roma in attività commerciali è più volte soggetto a cortei e manifestazioni ed è costretto a subire situazioni indipendenti dalla propria volontà e negative. Quello che va lamentato in questo caso è una impreparazione da parte delle autorità soggette alla sicurezza in Italia su fenomeni che probabilmente si potrebbero prevenire ed evitare. Non è possibile che la capitale d'Italia sia scorribanda di un manipolo di delinquenti che vengono a Roma. Pare si sia impotenti di fronte a queste situazioni, gridiamo allo scandalo".

Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Auto, nel 2016 vendite in Europa +6,5% oltre i 15 milioni
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Spazio, è morto Eugene Cernan: ultimo uomo a camminare sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate