mercoledì 18 gennaio | 03:28
pubblicato il 11/mar/2012 05:11

Festival Cinema Roma/ Polemica su presunto maxicompenso Muller

Rinviato il Cda della Fondazione Cinema per Roma, Pd all'attacco

Festival Cinema Roma/ Polemica su presunto maxicompenso Muller

Roma, 11 mar. (askanews) - Fra indiscrezioni e smentite è ormai deflagrato il caso, l'ennesimo, intorno al Festival del Cinema di Roma, la kermesse cinematografica della Capitale. Dopo il rinvio del Cda della Fondazione Cinema per Roma, previsto per lunedì, che avrebbe dovuto formalizzare la nomina di Marco Muller alla direzione artistica del Festival, si è aperto il fuoco incrociato fra maggioranza e opposizione, sia a livello regionale che comunale. A scatenare le polemiche la motivazione che secondo molti si celerebbe dietro questo rinvio, ovvero le pretese economiche che l'ex direttore della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia avrebbe avanzato per prendere il timone della manifestazione romana. Voci, però, smentite dal sindaco Gianni Alemanno: "Non c'e nessun problema di compenso con Marco Muller, ma solo un problema burocratico nell'organizzare bene il prossimo consiglio d'amministrazione". Parole che non hanno frenato la reazione dell'opposizione, pronta a dare battaglia. Per il consigliere Comunale del Pd Paolo Masini "In tempi di tagli ai servizi, aumento della tassa sulla casa, del biglietto dell'autobus e della tassa sui rifiuti, la cifra che il sindaco Alemanno e la presidente Polverini si accingono a dare al loro protetto Marco Muller è un vero schiaffo in faccia alla miseria e alla povera gente che non arriva alla fine del mese". Sulla stessa linea anche il consigliere regionale del Pd Enzo Foschi: "Dare a Marco Muller un milione e mezzo di euro come stipendio per fare il direttore artistico è solo una vergogna, non ci sono altre parole". La battaglia è dunque aperta, con lo stesso Masini che stamane ha annunciato: "Presenterò subito un'interrogazione urgente al sindaco per capire anche con quale faccia Marco Muller pretenderebbe una simile cifra fuori da ogni logica, un vero e proprio stipendio da nababbi. Inoltre sono pronto a mandare un esposto alla Corte dei conti per bloccare questo ennesimo scandalo della triade Muller-Alemanno-Polverini". L'ultima querelle sul Festival della Capitale arriva a soli pochi giorni dalla nomina di Paolo Ferrari alla presidenza della Fondazione cinema per Roma. Già in quell'occasione le polemiche non erano mancate con il Presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, che, a differenza del sindaco Alemanno e della governatrice Polverini, aveva espresso voto contrario alla nomina.Una spaccatura che il 'caso' Muller potrebbe rendere ancor più profonda.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa