lunedì 20 febbraio | 09:36
pubblicato il 08/feb/2011 18:19

Farmacisti calabresi in rivolta: serrata contro mancati rimborsi

Solo nella provincia di Cosenza credito di 90 mln con Asp

Farmacisti calabresi in rivolta: serrata contro mancati rimborsi

Farmacisti calabresi in rivolta. La serrata degli esercizi nelle province di Catanzaro, Crotone e Cosenza è stata decisa in segno di protesta contro i ritardi nei pagamenti dei medicinali a carico del servizio sanitario nazionale, che dovrebbero essere rimborsati ai farmacisti dalle aziende sanitarie provinciali. Secondo quanto riferito da Alfonso Misasi, presidente Federfarma della provincia di Cosenza, solo nel territorio di sua competenza i soldi dovuti alle farmacie ammonterebbero a 90 milioni di euro. L'associazione denuncia un rimpallo di responsabilità: le Asp tirano in ballo la Regione che a sua volta lamenta i mancati finanziamenti da parte dello Stato. "Dal primo marzo - ha sottolineato Misasi - se le cose continueranno così, ogni cittadino si dovrà pagare i farmaci da sè e poi chiedere il rimborso direttamente alle aziende sanitarie provinciali".

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia