venerdì 20 gennaio | 23:09
pubblicato il 16/ott/2013 15:57

Fao: Pistelli, cooperazione investe in eccellenze italiane contro spreco

(ASCA) - Roma, 16 ott - La lotta alle perdite e agli sprechi alimentari potrebbe permettere alla comunita' internazionale di sfamare 2 miliardi di persone in piu'. E la cooperazione italiana mette in campo le eccellenze tecnologiche italiane nel campo della catena del freddo e del packaging per promuovere la sicurezza alimentare, soprattutto in Africa dove a causa delle inefficienze di filiera si perde il 20% del raccolto dei cereali e ben il 50% dei vegetali. Lapo Pistelli, viceministro agli Esteri con delega alla cooperazione, aprendo il seminario di alto livello su sprechi e perdite alimentari promosso nel qurtier generale della Fao dalla Direzione generale della cooperazione del Ministero degli Esteri in occasione della World Food Day 2013, ha ricordato che ''in futuro il pianeta sara' abitato da 9 mld di persone e il 50% della crescita avverra' tra India, Cina, Nigeria, Pakistan e Indonesia. Sara' dunque necessario fare i conti a livello sistemico con queste dimensioni che ci spingono a aumentare investimenti nel settore agroalimentare, ma ci chiedono anche di fare i conti con la crescente volatilita' dei prezzi agricoli, gli squilibri tra domanda e offerta e l'aumento impetuoso delle classi medie, la pratica e l'utilizzo dei biocarburanti''. In questo quadro e' chiaro che ''non basta che il pianeta, come e' provato, sia gia' in grado di produrre tutte le calorie necessarie a sfamare gli abitanti del pianeta. Dobbiamo puntare ad un divero uso delle risorse che abbiamo, oltre ad un cambiamento degli stili di vita dei consumatori'', ha chiarito Pistelli. In questa cornice Pistelli ha inquadrato Expo 2015, ''che non vogliamo sia un normale showcase di eccellenze nazionali per i 131 Paesi che vi hanno gia' aderito - ha concluso il viceministro - ma un'assise multilaterale dove definire un nuovo modello di sviluppo in cui produzione sostenibile di cibo, sostenibilita' ambientale, sociale e una buona cornice di rule of law si combinino in un'efficace agenda post-2015.

Sappiamo quando la politica italiana sia percepita come fragile, sottoposta a turbolenze. E' cosi', ma c'e' la consapevolezza di voler costruire un nuovo ambiente politico in cui la lotta alla fame trovera' il suo spazio''.

sis/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4