sabato 03 dicembre | 10:45
pubblicato il 04/ott/2011 13:13

Famiglia Kercher: rispettiamo giustizia ma vogliamo verità

Parlano la madre, il fratello e la sorella della vittima

Famiglia Kercher: rispettiamo giustizia ma vogliamo verità

"Per prima cosa voglio dire che quella di ieri è stata una giornata molto lunga e pesante noi accettiamo la decisione, rispettiamo la corte e il sistema giudiziario italiano". A parlare è Lyle Kercher, fratello di Meredith, il giorno dopo l'assoluzione di Amanda e Raffaele, che invece in primo grado erano stati condannati per l'omicidio della sorella."La corte ha affermato che Guede non ha agito da solo - continua - Quindi se Amanda e Raffaele sono stati liberati e non sono stati considerati colpevoli bisogna capire chi lo ha aiutato""Io penso che sia ancora troppo difficile parlare di perdono - dice la sorella, Stephanie - almeno finché non si saprà qual è la verità". Poche parole quelle dette dalla madre Arline, "Comunque sia andata - ha dichiarato - mia figlia non tornerà a casa".

Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari