venerdì 09 dicembre | 22:52
pubblicato il 09/lug/2011 11:13

False griffe, la Finanza sgomina banda nel Comasco: 12 arresti

Indagati in tutto 44 responsabili, usati materiali cancerogeni

False griffe, la Finanza sgomina banda nel Comasco: 12 arresti

Dodici arresti per contraffazione di capi d'abbigliamento griffato, 44 persone indagate, 25mila prodotti e 3 immobili sequestrati per un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro; sono i numeri dell'operazione "Filo d'Arianna" della Guardia di Finanza di Como, che ha scoperto un'organizzazione criminale dedita al confezionamento e alla vendita di falsi abiti di marca, utilizzando anche stoffe trattate con prodotti nocivi per la salute dei consumatori e potenzialmente cancerogeni. L'inchiesta è durata 18 mesi. Una volta immessi sul mercato illegale i falsi capi d'abbigliamento avrebbero potuto arrecare alle griffe originali danni per un milione e 600mila euro. Sono state effettuate 21 perquisizioni e sequestrati 2 capannoni industriali e un laboratorio artigianale. Le perizie chimiche, inoltre, hanno rilevato nei coloranti dei tessuti sostanze nocive in una concentrazione pari a 3 volte il limite consentito.

Gli articoli più letti
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina