martedì 17 gennaio | 02:01
pubblicato il 24/giu/2013 12:31

Export: Coldiretti, spumante +20%. E' il prodotto italiano 'anticrisi'

Export: Coldiretti, spumante +20%. E' il prodotto italiano 'anticrisi'

(ASCA) - Roma, 24 giu - La crisi spinge al record lo spumante italiano all'estero dove cresce del 20% e toglie spazio al piu' costoso champagne francese, spopolando in vasti mercati come quello russo e cinese, nonstante si incrementi la concorrenza di prodotti ''tarocchi'' come il 'kresecco' in Germania. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti relativa al commercio estero nel primo trimestre del 2013 sulla base dei dati Istat. Lo spumante italiano si classifica quindi - sottolinea la Coldiretti - come il prodotto Made in Italy ''anticrisi'' per eccellenza con il fatturato che nel 2013 potrebbe raggiungere il massimo storico. Ad aumentare e' infatti - precisa la Coldiretti - anche il valore delle vendite sul mercato nazionale con gli acquisti delle famiglie italiane che sono cresciuti oltre il 10% nel primo trimestre dell'anno. Sorprendente l'autentico trionfo fatto registrare in due mercati dalle enormi potenzialita' come quello russo, dove - rileva la Coldiretti - lo spumante italiano ha visto le vendite in valore piu' che quadruplicate (+346%), e in quello cinese, con un balzo in avanti del 147%. A preoccupare nel caso cinese, se i negoziati avviati non dovessero portare a conclusioni positive, e' la minaccia di dazi ipotizzata dal gigante asiatico per i vini europei come misura di ritorsione rispetto a quelli introdotti dall'Unione Europea per i pannelli solari.

Le bollicine Made in Italy ''tirano'' anche negli Stati Uniti, per un incremento del 21%, ma il segno per le vendite e' positivo in tutti i cinque Continenti, Europa compresa.

Ottimo, qui, il risultato in Gran Bretagna, con un boom del 56%. Calano, invece, le vendite in Francia (-31%) ed Germania (-17%), proprio il paese dove si stanno diffondendo le imitazioni delle bollicine italiane, dal Kressecco e il Meer-Secco, anche se non mancano esempi di ''contraffazioni'' in tutti i continenti in Paesi come il Brasile dove e' proprio il prosecco a subire maggiormente i danni del plagio.

I risultati migliori all'estero sono realizzati proprio dagli spumanti Dop come l'Asti ed il Prosecco (+29%) mentre calano le vendite degli spumanti comuni (-3%).

Nel 2012 l'Italia - continua la Coldiretti - ha prodotto oltre 400 milioni di bottiglie di vini spumanti, fra metodo tradizionale e metodo italiano per un fatturato all'origine (alla cantina) di 1,2 miliardi di euro. Il consumo nazionale di bollicine e' stato di 145 milioni di bottiglie, per valore complessivo all'origine pari a 380 milioni di euro. Questo significa - conclude la Coldiretti - che il 65 per cento della produzione italiana e' destinato all'esportazione o in altre parole che oltre 6 bottiglie di spumante italiano su 10 sono stappate all'estero. com/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello