mercoledì 22 febbraio | 08:12
pubblicato il 24/mar/2014 11:52

Expo 2015: Pisapia, sono tranquillo, nessun ritardo imputabile a Comune

(ASCA) - Milano, 24 mar 2014 - Si definisce ''assolutamente tranquillo'' sul futuro dell'Esposizione universale di Milano e si dice convinto che i ritardi imputabili a Palazzo Marino ''non ce ne sono''. Cosi' il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, si e' presentato al vertice che lo vede protagonista insieme a Roberto Maroni, al commissario unico Giuseppe Sala, e agli altri vertici della societa' Expo per fare il punto sul destino dell'Esposizione universale di Milano dopo gli arresti che hanno decapitato il vertice di Infrastrutture lombarde. Pisapia non e' preoccupato: ''Sono assolutamente tranquillo - ha assicurato - perche' andremo avanti e soprattutto sapremo vincere questa sfida''. Nessuna indicazione, invece, sulle nomine di chi dovra' sostituire i vertici di infastrutture lombarde finiti in arresto nell'ambito di un'inchiesta condotta dalla Procura di Milano: ''Le nomine non dipendono da me, non ho nulla a che fare con Infrastrutture lombarde. Aspettiamo Maroni''.

fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia