sabato 03 dicembre | 20:45
pubblicato il 23/ago/2014 12:00

Expo 2015, dopo i Bronzi di Riace è polemica per L'Ortolano

No del sindaco di Cremona al prestito del dipinto dell'Arcimboldo

Expo 2015, dopo i Bronzi di Riace è polemica per L'Ortolano

Milano, 23 ago. (askanews) - Nuova polemica sui prestiti di opere d'arte per Expo 2015: mentre è ancora in corso il confronto con la Regione Calabria per avere i Bronzi di Riace all'Esposizione Universale, si è aperto un nuovo fronte con Cremona dopo che il sindaco, Gianluca Galimberti, si è opposto al prestito del dipinto "L'Ortolano" dell'Arcimboldo che ha ispirato la mascotte di Expo. "Mi sembra un'occasione sprecata la scelta del sindaco di Cremona di non concedere l'opera di Arcimboldo, L'Ortolano, custodita nella pinacoteca della città e che rappresenta il cibo e l'uomo, temi cardine di Expo. L'opera potrebbe essere l'ambasciatrice di Cremona e della Lombardia, visto che Arcimboldo fu un artista milanese e che la sua opera ha ispirato anche la stessa mascotte dell'Expo. Sarebbe un biglietto da visita straordinario agli occhi del mondo", ha dichiarato l'assessore regionale alle Culture, Identità e Autonomie, Cristina Cappellini. "La posizione di chiusura di Galimberti - ha spiegato la Cappellini - non giova a fare di Cremona una città sempre più conosciuta nel mondo, perché se questa è la linea generale della nuova giunta comunale anche i pezzi della liuteria cremonese come il violino Stradivari 1715, da sempre in giro per il mondo per far conoscere la nostra liuteria, rischiano di rimanere per sempre in una teca con grave danno di immagine per tutto il settore liutario". "Regione Lombardia - ha detto ancora l'assessore - potrebbe ospitare il dipinto, valorizzando Cremona con un ponte ideale che parta dalla presenza dell'Arcimboldo a Milano e arrivi nel cuore pulsante della città". "Sprecare una simile occasione - è sempre il pensiero di Cristina Cappellini - sarebbe un vero peccato per la cultura cremonese e per tutta la Lombardia. Il sindaco Galimberti ci ripensi e consideri quanto hanno fatto i suoi predecessori nel portare in giro per il mondo le nostre grandi tradizioni: dalla presenza all'Expo cinese di cinque anni fa all'esposizione della liuteria a Parigi, presso l'Unesco, di qualche mese fa". "La Regione è disponibilissima - ha concluso l'assessore - a collaborare con tutti i territori per valorizzarli il più possibile e l'Expo di Milano é una straordinaria opportunità da cogliere al volo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari