lunedì 23 gennaio | 20:44
pubblicato il 20/lug/2013 12:00

Ex compagna su Fb: Di Cataldo mi picchia, lui: Falso, è vendetta

Intanto la squadra mobile di Roma avvia le prime verifiche

Ex compagna su Fb: Di Cataldo mi picchia, lui: Falso, è vendetta

Roma, 20 lug. (askanews) - Anna Laura Millacci, per 13 anni compagna di Massimo Di Cataldo, ha affidato a Facebook una storia pesante di violenze domestiche, e con un lungo post e foto scioccanti, del proprio volto tumefatto, accusa il cantante di botte e percosse ripetute: "Mi ha picchiata, tanto da farmi abortire". Lui nega tutto: "Questa storia non è vera, non capisco, è la madre di mia figlia, forse è una vendetta per la storia finita". E' la squadra mobile di Roma che sta conducendo le prime verifiche su questa denuncia pubblica via web per chiarire la veridicità della vicenda raccontata nei post e accertare l'autenticità delle foto pubblicate. Anche l'identificazione della donna è uno degli elementi ufficialmente da accertare, visto che al momento è data solo dall'iscrizione sul social network. Non è escluso che gli agenti decidano di ascoltare il cantante e l'ex compagna. La donna, visual artist che ha già una figlia col cantante, non ha denunciato le percosse a polizia o carabinieri, ma ha scelto il social network per raccontare una storia pesante di violenze domestiche. Spiegando di essersi decisa a renderla pubblica quando a seguito delle percosse ha abortito e tra gli autoscatti che ritraggono il suo volto ferito c'è anche quella terribile di un grumo di sangue che scivola in un bidet. "Queste foto che ho postato - scrive Anna Laura - sono di venti giorni fa. Ho pensato a lungo se farlo o meno. Ma credo nella dignità e nel rispetto delle donne. Ci sono donne che ogni giorno subiscono violenze e continuano a perdonare. Io il signor di Cataldo, faccia d'angelo e aspetto da bravo ragazzo, l'ho perdonato tante volte". Ora "spero che questo outing e sputtanamento pubblico sia utile a tutte quelle donne che subiscono uomini che sembrano angeli e poi ci riducono così". I post di commento ricevuti sul profilo sono di orrore, sgomento, solidarietà, ringraziamento per il "Coraggio e la forza che sei riuscita a trovare per denunciare un simile fatto". Il cantante, che ieri sera ha ritirato il premio Lunezia, nega tutto: "Questa storia non è vera, non capisco, è la madre di mia figlia, forse è una ritorsione per la storia finita ". Sul suo profilo Fb anche il cantante si sfoga: "Sono sconvolto. Come può una donna, madre di mia figlia, arrivare a tanto, alterando la realtà, solo perchè una storia finisce? Farò di tutto per tutelarmi, prima come uomo e poi come artista". E tra coloro che hanno inviato il messaggio sul profilo del cantante c'è chi punta il dito contro il "mostro" e chi solleva dubbi e critiche alla scelta della donna di usare un social network per denunciare una violenza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4