mercoledì 22 febbraio | 09:34
pubblicato il 02/set/2013 12:00

Eternit/ Giudici Appello: Schmidheiny agì con consapevolezza

"Ha agito volendo gli eventi dei reati che gli sono ascritti"

Eternit/ Giudici Appello: Schmidheiny agì con consapevolezza

Torino, 2 set. (askanews) - Stephan Schmidheiny, il patron del'Eternit, condannato in appello lo scorso 3 giugno a Torino a 18 anni di reclusione per disastro doloso "aveva previsto e accettato che dagli atti compiuti sarebbero derivate molteplici omissioni di cautele contro gli infortuni sul lavoro e una sequela non esattamente calcolabile, ma molto vasta, di patologie amianto-correlate". E' quanto si legge nelle motivazioni della sentenza di appello, depositate oggi. Schmidheiny secondo i giudici era consapevole della pericolosita' dell'amianto e fu anzi artefice diun' "opera di disinformazione consapevolmente promossa". Pr i giudici il manager "ha agito rappresentandosi e volendo gli eventi dei reati che gli sono ascritti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Papa
Papa: l'integrazione non è né assimilazione né incorporazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%