martedì 24 gennaio | 14:24
pubblicato il 02/set/2013 12:00

Eternit/ Giudici Appello: Schmidheiny agì con consapevolezza

"Ha agito volendo gli eventi dei reati che gli sono ascritti"

Eternit/ Giudici Appello: Schmidheiny agì con consapevolezza

Torino, 2 set. (askanews) - Stephan Schmidheiny, il patron del'Eternit, condannato in appello lo scorso 3 giugno a Torino a 18 anni di reclusione per disastro doloso "aveva previsto e accettato che dagli atti compiuti sarebbero derivate molteplici omissioni di cautele contro gli infortuni sul lavoro e una sequela non esattamente calcolabile, ma molto vasta, di patologie amianto-correlate". E' quanto si legge nelle motivazioni della sentenza di appello, depositate oggi. Schmidheiny secondo i giudici era consapevole della pericolosita' dell'amianto e fu anzi artefice diun' "opera di disinformazione consapevolmente promossa". Pr i giudici il manager "ha agito rappresentandosi e volendo gli eventi dei reati che gli sono ascritti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4