domenica 04 dicembre | 07:14
pubblicato il 04/giu/2013 18:01

Eternit: De Magistris, governo dia fondi per bonificare Bagnoli

Eternit: De Magistris, governo dia fondi per bonificare Bagnoli

(ASCA) - Napoli, 4 giu - ''Vogliamo ottenere dal governo i fondi necessari per la bonifica di tutta l'area di Bagnoli che consenta di porre fine alla stagione che hai visto opporsi il diritto al lavoro a quello della salute, entrambi irrinunciabili, e favorendo cosi' lo sviluppo dell'area.

Proprio per questo, nel recente incontro avuto con il ministro dell'Ambiente, e' stata richiesta la convocazione di un tavolo ai massimi livelli istituzionali, locali e nazionali, perche' si possa operare in tempi rapidi in questa direzione''. Lo afferma in una nota il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il quale afferma di accogliere, a nome dell'amministrazione di Napoli, ''la richiesta che parte dal territorio di Bagnoli, ed in particolare dalle famiglie delle vittime di amianto, perche' si compia il percorso della giustizia''.

De Magistris ha anche assicurato che procederanno ''sulla strada dell'azione civile che possa portare al risarcimento per le vittime e le loro famiglie. La sentenza di ieri ha sancito qualcosa di storico, per Bagnoli e per l'intero paese, stabilendo la natura dolosa del disastro ambientale e riformando la sentenza di primo grado che dichiarava prescritto il reato per Bagnoli''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari