venerdì 24 febbraio | 01:19
pubblicato il 03/giu/2013 15:39

Eternit: corte d'Appello condanna Schmidheiny a 18 anni di carcere

(ASCA) - Torino, 3 giu - La corte d'Appello di Torino ha condannato il magnate svizzero Stephan Schmidheiny a 18 anni di carcere per la strage dell'Eternit, la multimazionale dell'amianto che ha provocato nei suoi 4 stabilimenti italiani di Casale Monferrato, Cavagnolo, Rubiera e Bagnoli, circa 3.000 vittime tra morti e malati di mesotelioma pleurico e asbestosi. Schmidheiny titolare dell'Eternit dal 1972 era accusato di disastro ambientale doloso e omissione dolosa di misure di sicurezza. E' uscito invece dal processo il barone belga Jean-Louis de Cartier de Marchienne morto il 21 maggio scorso all'eta' di 92 anni. Con l'estizione del processo a suo carico, circa 2.500 parti civili del processo rischiano di non aver alcun risarcimento e dovranno avviare una causa civile probabilmente in Belgio.

eg/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech