martedì 17 gennaio | 06:46
pubblicato il 03/giu/2013 15:39

Eternit: corte d'Appello condanna Schmidheiny a 18 anni di carcere

(ASCA) - Torino, 3 giu - La corte d'Appello di Torino ha condannato il magnate svizzero Stephan Schmidheiny a 18 anni di carcere per la strage dell'Eternit, la multimazionale dell'amianto che ha provocato nei suoi 4 stabilimenti italiani di Casale Monferrato, Cavagnolo, Rubiera e Bagnoli, circa 3.000 vittime tra morti e malati di mesotelioma pleurico e asbestosi. Schmidheiny titolare dell'Eternit dal 1972 era accusato di disastro ambientale doloso e omissione dolosa di misure di sicurezza. E' uscito invece dal processo il barone belga Jean-Louis de Cartier de Marchienne morto il 21 maggio scorso all'eta' di 92 anni. Con l'estizione del processo a suo carico, circa 2.500 parti civili del processo rischiano di non aver alcun risarcimento e dovranno avviare una causa civile probabilmente in Belgio.

eg/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello