lunedì 05 dicembre | 14:01
pubblicato il 15/feb/2012 14:39

Eternit, Cgil Campania: Per Bagnoli pronti a ricorrere in appello

Per i giudici di Torino caso napoletano è caduto in prescrizione

Eternit, Cgil Campania: Per Bagnoli pronti a ricorrere in appello

Napoli, (askanews) - Per Bagnoli la storica sentenza del tribunale di Torino contro i vertici dell'Eternit è un pugno nello stomaco: la condanna arrivata lunedì 13 febbraio per le circa mille vittime napoletane, tra malati e morti di patologie legate all'amianto, non vale. Il collegio dei giudici ha infatti considerato prescritti i reati contestati prima del 13 agosto 1999. Una decisione che subito ha fatto scattare le reazioni di vittime e parenti sul Web: "Non esistono morti di serie A e di serie B" si legge in un forum sull'argomento. Al loro fianco si è schierata la Cgil Campania pronta a ricorrere in appello contro la decisione del Tribunale di Torino. Per il segretario regionale, Franco Tavella, infatti, la decisione dei giudici "ripaga di tante battaglie sindacali", ma "restaincomprensibile la prescrizione del reato a Bagnoli. Il giudiziorischia di apparire iniquo rispetto a quanto deciso per gli altri siti".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari