lunedì 27 febbraio | 15:48
pubblicato il 11/ott/2011 16:05

Estorcevano denaro con 'metodo mafioso', 12 arresti a Firenze

Ex 416 bis avevano portato in Toscana mezzi camorristici

Estorcevano denaro con 'metodo mafioso', 12 arresti a Firenze

'Metodo mafioso' per estorcere denaro. Due professionisti fiorentini avevano assoldato un gruppo di malavitosi per esercitare l'usura e poter estorcere denaro, in Toscana. E' l'aspetto più rilevante dell'inchiesta 'Mimesis', della Dia in collaborazione con la Guardia di Finanza che ha portato all'arresto di 12 persone. Tra i fermati, pregiudicati di origine napoletana, già appartenenti a famiglie satelliti aggregate a clan camorristici, alcuni avevano finito di scontare il regime di carcere duro, il 416 bis, come spiega il generale Gaetano Mastropierro.Dalle intercettazioni si è potuto appurare che venivano create delle messinscena per "sottoporre a pressione psicologica la vittima dell'estorsione" e costringerle a pagare.Uno dei protagonisti, nelle intercettazioni, fa infatti riferimento alla lotta per spartirsi il territorio "Ci prenderemo la zona".

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech