venerdì 09 dicembre | 13:29
pubblicato il 05/ago/2013 11:45

Estate: da oggi fermo pesca in tutto l'Adriatico

Estate: da oggi fermo pesca in tutto l'Adriatico

(ASCA) - Roma, 5 ago - Stop al pesce fresco a tavola da oggi per l'avvio del fermo pesca che porta al blocco delle attivita' della flotta da pesca italiana lungo tutto l'Adriatico da Trieste a Bari. A darne notizia e' Coldiretti Impresapesca nel sottolineare che il provvedimento di fermo si allarga al tratto di costa da Pesaro a Bari per 42 giorni dopo che era gia' scattato lo scorso 22 luglio nel tratto da Trieste a Rimini per un periodo analogo.

Il blocco - sottolinea Coldiretti - ha l'obiettivo di garantire il ripopolamento dei pesci nel mare e salvare cosi' le marinerie dal collasso, in un 2013 segnato da un calo del 16 per cento dei consumi di pesce fresco nel primo trimestre dell'anno. Con il fermo pesca aumenta pero' anche il rischio - per Impresapesca Coldiretti - di ritrovarsi nel piatto per grigliate e fritture, soprattutto al ristorante, prodotto straniero o congelato se non si tratta di quello fresco Made in Italy proveniente dalle altre zone dove non e' in atto il fermo pesca, dagli allevamenti nazionali o dalla seppur limitata produzione locale dovuta alle barche delle piccola pesca che possono ugualmente operare.

A tale proposito e' positivo il giudizio della Coldiretti sul decreto firmato il primo agosto dal ministro delle politiche agricole Nunzia De Girolamo che stabilisce le modalita' applicative per l'attestazione di origine dei prodotti della pesca, prevedendo la possibilita' di inserire la dicitura ''prodotto italiano'' sul pesce venduto al dettaglio. Il primo ottobre - ricorda ancora Coldiretti Impresapesca - si fermeranno i pescherecci a partire da Brindisi, Ionio e Tirreno, mentre Sardegna e Sicilia decideranno nel periodo agosto e settembre in piena autonomia.

Il tutto in una situazione che, secondo un'analisi Coldiretti Impresa Pesca su dati Ismea, ha visto aumentare del 6,3% le famiglie italiane che hanno rinunciato ad acquistare pesce fresco nonostante i prezzi al consumo siano rimasti pressoche' stabili. A segnare un forte calo nei consumi - precisa la Coldiretti - e' il pesce azzurro come le alici che calano del 12% ma nel piatto degli italiani diminuiscono anche i calamari (-14%) e le cozze e gli altri mitili (-12%). Un crollo che ha messo a dura prova la flotta di pescherecci italiana che negli ultimi 30 anni ha gia' perso il 35% delle imbarcazioni e 18.000 posti di lavoro.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina