sabato 03 dicembre | 19:19
pubblicato il 31/ago/2011 10:00

Estate 2011, a Napoli il turismo è diventato toccata e fuga

Il bilancio secondo i dati diffusi da Federalberghi

Estate 2011, a Napoli il turismo è diventato toccata e fuga

Napoli, toccata e fuga. Si potrebbe sintetizzare così il bilancio del settore turistico nel capoluogo campano a luglio e agosto 2011. Punto di partenza per capire come è andata quest'estate post emergenza rifiuti, sono i dati di Federalberghi Napoli che svelano un andamento in chiaroscuro. La percentuale di camere occupate negli alberghi nel 2011 è aumentata sia a luglio, 63%, che ad agosto, 56%, rispetto al 2010 quando ci si fermò rispettivamente al 61 e al 52. Un dato all'apparenza positivo che però perde di forza se si tiene conto di due elementi. In primo luogo, gli incassi poco brillanti: l'aumento delle presenze, infatti, è dovuto soprattutto ad offerte speciali e prezzi ridotti. E soprattutto il nuovo modo di vivere Napoli: i turisti la usano come tappa per poi fuggire verso la costiera, le isole o il Cilento; il tempo di pernottamento in città in media è stato di poco più di un giorno e mezzo. In tutto questo chi ha tradito Napoli sono stati gli italiani che hanno fatto registrare un calo di presenze del 15%, mentre gli stranieri sono aumentati del 14%, fra loro i più innamorati sono americani e giapponesi.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari