sabato 03 dicembre | 23:40
pubblicato il 21/nov/2011 18:55

Escort/ Riesame di Bari: Valter Lavitola deve essere arrestato

Potrebbe inquinare le prove e reiterare il reato

Escort/ Riesame di Bari: Valter Lavitola deve essere arrestato

Bari, 21 nov. (askanews) - Valter Lavitola deve essere arrestato. E' la decisione del tribunale del Riesame che ha respinto oggi la richiesta della difesa dell'ex direttore dell' Avanti a revocare l'ordinanza di custodia cautelare. Le ragioni sono le stesse espresse nell'ordinanza firmata dal gip Sergio di Paola: Lavitola, ancora latitante, potrebbe inquinare le prove e reiterare il reato. Lavitola è accusato di induzione a mentire, nell'ambito dell'inchiesta che riguarda l' imprenditore Gianpaolo Tarantini e il presunto giro di escort portate nelle residenze del premier dimissionario Silvio Berlusconi. Ai pm baresi che indagavano sulle donne portate a Roma e in Sardegna, da Tarantini, infatti, l' imprenditore avrebbe detto il falso, negando che Berlusconi conoscesse il loro ruolo di prostitute. E Lavitola, secondo l'accusa, avrebbe indotto Tarantini a dire il falso. In un primo momento, il sostituto procuratore Pasquale Drago, incaricato dell' indagine escort, ha ritenuto che Lavitola non andasse arrestato. Poi Drago s'è allineato alla posizione del gip, il quale, nell'ordinanza, scrive che per Lavitola persiste un evidente pericolo di fuga. Secondo il gip, l'ex giornalista è in grado di inquinare tuttora le prove. Ha inoltre a sua disposizione notevoli risorse finanziarie e collegamenti con personaggi molto influenti. C'è poi il riferimento alle sue presenze in tv, nel quale il gip sottolinea che, in questo modo, Lavitola è anche in grado di trasmettere comunicazioni con altri indagati. Considerazioni che si aggiungono agli atti, già depositati dal tribunale del Riesame di Napoli, dove è nata l'indagine. A settembre, infatti, i pm Francesco Curcio, Vincenzo Piscitelli ed Henry John Woodcock avevano chiesto - e ottenuto - sia l'arresto di Lavitola, sia quello di Tarantini, accusati di aver estorto al premier almeno 500 mila euro. In cambio, c'era la strategia difensiva, adottata da Tarantini, nel procedimento, aperto a Bari, sulle prostitute. E' da allora che Lavitola è irreperibile. Il tribunale del Riesame di Napoli, è intervenuto sia sulla competenza territoriale, sia sull'ipotesi di reato, mutato in "induzione a rendere dichiarazioni mendaci". Furono gli stessi pm napoletani a chiedere, proprio in quell'udienza, se non fosse il caso di mutare il reato da estorsione a induzione a mentire. Il Riesame ha trasmesso il fascicolo per competenza a Roma, dove s'indaga ancora oggi per estorsione, mentre a Bari è stato aperto un ulteriore fascicolo per l'induzione a mentire.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari