giovedì 19 gennaio | 23:11
pubblicato il 21/nov/2011 18:55

Escort/ Riesame di Bari: Valter Lavitola deve essere arrestato

Potrebbe inquinare le prove e reiterare il reato

Escort/ Riesame di Bari: Valter Lavitola deve essere arrestato

Bari, 21 nov. (askanews) - Valter Lavitola deve essere arrestato. E' la decisione del tribunale del Riesame che ha respinto oggi la richiesta della difesa dell'ex direttore dell' Avanti a revocare l'ordinanza di custodia cautelare. Le ragioni sono le stesse espresse nell'ordinanza firmata dal gip Sergio di Paola: Lavitola, ancora latitante, potrebbe inquinare le prove e reiterare il reato. Lavitola è accusato di induzione a mentire, nell'ambito dell'inchiesta che riguarda l' imprenditore Gianpaolo Tarantini e il presunto giro di escort portate nelle residenze del premier dimissionario Silvio Berlusconi. Ai pm baresi che indagavano sulle donne portate a Roma e in Sardegna, da Tarantini, infatti, l' imprenditore avrebbe detto il falso, negando che Berlusconi conoscesse il loro ruolo di prostitute. E Lavitola, secondo l'accusa, avrebbe indotto Tarantini a dire il falso. In un primo momento, il sostituto procuratore Pasquale Drago, incaricato dell' indagine escort, ha ritenuto che Lavitola non andasse arrestato. Poi Drago s'è allineato alla posizione del gip, il quale, nell'ordinanza, scrive che per Lavitola persiste un evidente pericolo di fuga. Secondo il gip, l'ex giornalista è in grado di inquinare tuttora le prove. Ha inoltre a sua disposizione notevoli risorse finanziarie e collegamenti con personaggi molto influenti. C'è poi il riferimento alle sue presenze in tv, nel quale il gip sottolinea che, in questo modo, Lavitola è anche in grado di trasmettere comunicazioni con altri indagati. Considerazioni che si aggiungono agli atti, già depositati dal tribunale del Riesame di Napoli, dove è nata l'indagine. A settembre, infatti, i pm Francesco Curcio, Vincenzo Piscitelli ed Henry John Woodcock avevano chiesto - e ottenuto - sia l'arresto di Lavitola, sia quello di Tarantini, accusati di aver estorto al premier almeno 500 mila euro. In cambio, c'era la strategia difensiva, adottata da Tarantini, nel procedimento, aperto a Bari, sulle prostitute. E' da allora che Lavitola è irreperibile. Il tribunale del Riesame di Napoli, è intervenuto sia sulla competenza territoriale, sia sull'ipotesi di reato, mutato in "induzione a rendere dichiarazioni mendaci". Furono gli stessi pm napoletani a chiedere, proprio in quell'udienza, se non fosse il caso di mutare il reato da estorsione a induzione a mentire. Il Riesame ha trasmesso il fascicolo per competenza a Roma, dove s'indaga ancora oggi per estorsione, mentre a Bari è stato aperto un ulteriore fascicolo per l'induzione a mentire.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale