venerdì 20 gennaio | 17:41
pubblicato il 10/giu/2013 18:17

Ercolano, fioraio si dà fuoco e si getta dal Comune

Tragedia del lavoro nel Napoletano. Protestano i commercianti

Ercolano, fioraio si dà fuoco e si getta dal Comune

Napoli, (askanews) - Un commerciante di fiori si è dato fuoco questa mattina all'interno della stanza del sindaco del comune di Ercolano, nel Napoletano. Antonio Formicola, questo il nome dell'uomo, si è poi lanciato dalla finestra ed è morto poco dopo all'ospedale Cardarelli di Napoli per le ustioni e per le ferite riportate nella caduta. Il fioraio si era presentato al Comune per protestare contro la mancata concessione di un parcheggio riservato davanti al suo negozio. In centinaia si sono radunati davanti alla sede municipale per protestare contro l'amministrazione e contro il sindaco, che peraltro al momento della tragedia non era presente in Comune. Altre due persone sono rimaste ferite: una colpita da un estintore utilizzato per spegnere le fiamme che hanno avvolto il commerciante e un poliziotto, intervenuto sul posto.

Gli articoli più letti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire