domenica 26 febbraio | 23:51
pubblicato il 22/apr/2012 16:43

Energia, i sensori che "ascoltano" la casa e fanno risparmiare

L'idea di un ricercatore della Washington University

Energia, i sensori che "ascoltano" la casa e fanno risparmiare

Washington, (askanews) - Ogni casa ha la sua voce e riconoscerla potrebbe far risparmiare soldi ed energia. L'idea è del ricercatore dell'Università di Washington Shwetak Patel che insieme con il suo team ha ideato un sistema di sensori da piazzare vicino a prese, elettrodomestici e rubinetti. I chip registrano ogni minimo rumore degli apparecchi, rilevano i cambiamenti anche minimi della pressione dell'acqua, salvando poi tutto in una sorta di diario virtuale sempre aggiornato delle abitudini energetiche della famiglia. Un modo per tenere sotto controllo in automatico i consumi."La gente dice 'Vorrei davvero risparmiare energia ma non so come fare' - dice Patel - noi aiutiamo le persone a prendere decisioni migliori perché diciamo loro su cosa devono concentrarsi". In questo modo secondo Patel si potranno ridurre gli sprechi con maggiore cognizione di causa, ascoltando con attenzione tutto quello che le case hanno da dire.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech